Jannik Sinner rivela la sua ossessione

L’ossessione di Jannik Sinner

Jannik Sinner si è raccontato in una lunga intervista rilasciata a ‘L’Equipe’ lo scorso marzo, durante il Masters 1000 di Indian Wells, e pubbllicata nelle ultime ore, in cui ha trattato numerosi temi tra cui la sua ossessione per il rumore prodotto dalla pallina che esce dalla sua racchetta.

“Quando provo le racchette, mi concentro sul rumore della palla – ha sottolineato l’altoatesino -. Non guardo nemmeno dove atterra. Se ho una buona sensazione rispetto al suono, allora è la racchetta giusta. Alcuni giocatori si concentrano sul controllo di palla che una determinata racchetta offre loro. Per me è tutta una questione di suono”.

“Deve essere pulito, ma anche pesante – ha aggiunto il numero uno del mondo -. Non mi piace quando è ruvido, quando sfrega, come se graffiasse. Dopo di che, in una partita, la cosa più importante è scegliere il colpo giusto al momento giusto. Ma in allenamento l’obiettivo è ottenere un buon feeling. E per me, le sensazioni migliori coincidono con il giusto suono”.

Sinner farà il suo esordio a Wimbledon lunedì 1 luglio contro il tedesco Yannick Hanfmann. Il match è in programma sul Campo 1 dopo gli incontri di Daniil Medvedev, che aprirà le danze alle 14 italiane contro Aleksandar Kovacevic, e Aryna Sabalenka, opposta a Emina Bektas.

Articoli correlati

P