Super Lafayette, Reggio s'inchina

Difesa, forza fisica e dominio a rimbalzo. Così l’Olimpia Milano vince anche gara 2 della finale scudetto, superando per 94-73 la Grissin Bon Reggio Emilia e mantenendo il fattore campo e portandosi avanti 2-0 nella serie.
 
C’è un primo tempo devastante di Alessandro Gentile, un Rakim Sanders inarrestabile nel momento decisivo, oltre a giocate importanti nelle varie fasi della gara di tanti altri protagonisti nel successo milanese.
 
La squadra di Menetti trova un Della Valle mai domo, cose preziose da De Nicolao, ma non la continuità di squadra necessaria per poter giocarsela fino alla fine, soprattutto in trasferta e con le assenze di Aradori e Stefano Gentile. 
 
L’avvio è firmato dal capitano biancorosso, già a quota 9 dopo 4’, per un’EA7 che si prende tanti falli e liberi a favore, però dall’altra parte c’è un Della Valle (11 punti nel primo quarto) completamente diverso rispetto a quello di due giorni fa. I padroni di casa provano a dare nuovamente una scossa in avvio di secondo quarto, con Lafayette e Gentile, piazzando un 8-0, anche se questa volta la Grissin Bon reagisce prima e non prende l’imbarcata di gara 1, sfruttando Veremeenko vicino a canestro (38-35 al 15’). Un altro fulmineo 8-0, questa volta firmato Sanders, regala a Milano il massimo vantaggio sul +11, però gli ospiti si riavvicinano, anche sfruttando i liberi (contestati) di Kaukenas.
 
Un ottimo avvio di Kalnietis tiene avanti la squadra di Repesa, anche se il distacco non va mai oltre la doppia cifra, fino a quando i biancorossi sfruttano il tecnico a Kaukenas, salendo a +13 (69-56 al 28’) con il canestro di McLean ed i liberi di Sanders.
 
Della Valle non ci sta ed inventa due triple in chiusura di terzo periodo, per rimettere gli ospiti in linea di galleggiamento. L’ennesimo tentativo di dare la mazzata al match arriva in avvio di ultimo quarto: cinque di Lafayette, sei di Rakim e Milano vola a +14 (83-69 al 35’). L’ex Sassari domina fisicamente la partita, la difesa blocca l’attacco reggiano e le giocate di Gentile chiudono i conti. 2-0 ed ora la pressione è tutta sulle spalle emiliane.
 
In collaborazione con basketissimo.com

ARTICOLI CORRELATI:

Baraldi non considera la caduta di Sassari
Baraldi non considera la caduta di Sassari
Carrea:
Carrea: "Con Treviso si cambia"
De Raffaele:
De Raffaele: "Ecco perché sono i più forti"
Pozzecco:
Pozzecco: "Abbiamo fatto quasi un miracolo"
Djordjevic gonfia il petto
Djordjevic gonfia il petto
Messina predica cautela:
Messina predica cautela: "Attenti a Trieste"
 
Tutti in pista con Giulia Colombo
Le foto di Stefana Veljkovic
Rihanna incanta lo Stadium
Bellissime a Eicma 2019: Giorgia Capaccioli
Le bellissime di Eicma 2019: Beatrice Silipigni
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Pasqualon