Luca Banchi non dimentica l'Olimpia Milano ma neanche Siena

"Milano mi ha chiamato dopo lo scudetto vinto con Siena, poi revocato (ma le emozioni non si revocano)".

15 Gennaio 2022

Le parole di Luca Banchi

Luca Banchi è pronto con Pesaro a sfidare il suo passato. Domani sarà il giorno della partita contro l'Olimpia e con la Gazzetta dello Sport apre il libro dei ricordi.

"Milano mi ha chiamato dopo lo scudetto vinto con Siena, poi revocato (ma le emozioni non si revocano). C’era voglia di costruire un progetto fondato sugli italiani. Avevamo Ale Gentile, Hackett e Melli. Più Langford e Jerrells, due Usa importanti. In quella stagione sono arrivati scudetto e playoff di Eurolega, sfiorando la Final Four. Era un bel gruppo da cui poteva nascere un futuro di successi. Ma dopo il club non ha voluto investire sugli stranieri. Speravo che gli italiani mi bastassero ma quel progetto è affondato dopo la squalifica di Hackett per avere lasciato il ritiro della Nazionale e per il mancato rinnovo pluriennale di Melli. L’anno dopo abbiamo trovato sulla nostra strada il Triplete di Sassari".

"Milano è stata un’esperienza esaltante con qualche amarezza. Avere vinto il primo scudetto di Armani è un onore che (spero) non mi toglierà nessuno anche se dopo quello che mi è successo con Siena non posso affermarlo con certezza...".

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Daniele Montigiani - Aquila Basket TrentoLele Molin va oltre la sconfitta
Lele Molin va oltre la sconfitta
©Getty ImagesGeVi Napoli, colpo di mercato dalla Russia
GeVi Napoli, colpo di mercato dalla Russia
©screenshot da YoutubeReyer, Tucci:
Reyer, Tucci: "De Raffaele un fratello, ora responsabilità"
 
La Juventus è tornata: le foto del successo di Salerno
I difensori che hanno segnato più gol nella storia del calcio: la classifica in foto
I calciatori che hanno segnato più gol di testa nel XXI secolo: la classifica in foto
Federico Baschirotto, il calciatore che sembra Hulk. Le foto