Tour de France, Tadej Pogacar indovina l’attacco vincente sul Galibier e torna in giallo

Tadej Pogacar reindossa la maglia gialla

Tappa e maglia gialla per Tadej Pogacar, protagonista assoluto della quarta tappa del Tour de France, una frazione partita da Pinerolo e guinta, dopo un percorso di 139,6 chilometri che ha portato i corridori dall’Italia alla Francia, a Valloire, dopo aver superato la difficile salita del Col du Galibier.

Proprio sulle strade dell’impegnativo valico alpino il corridore sloveno ha indovinato l’attacco vincente, per poi staccare ulteriormente i rivali nella discesa successiva e nel tratto finale della frazione. Nessuno è riuscito a tenere il passo del corridore dell’UAE Team Emirates: Remco Evenepoel (Soudal Quick-Step) ha concluso al secondo posto a 45″, Jonas Vingegaard (Team Visma-Lease a Bike) è arrivato terzo a 50″.

Molto più indietro Richard Carapaz (EF Educa, che va in difficoltà a 6 chilometri dal termine della salita del Galibier e perde la maglia gialla, riconsegnandola proprio a Pogacar dopo avergliela strappata lunedì: lo sloveno ha 45″ su Evenepoel e 50″ su Vingegaard (i tre avevano lo stesso tempo alla partenza), in una classifica che vede come primo degli italiani Giulio Ciccone.

Il teatino della Lidl-Trek è arrivato nono al termine della tappa, con 2’41” di ritardo rispetto a Pogacar, ed è nono anche nella classifica generale, staccato di 3’20”. Mercoledì si corre la quinta tappa della Grande Boucle, da Saint-Jean-de-Maurienne a Saint-Vulbas, una tappa senza particolari difficoltà con probabile arrivo in volata.


Articoli correlati

P