Bolt pigro, niente Maracanà

6 Agosto 2016

L’assenza di Usain Bolt dalla Cerimonia d’Apertura dei Giochi di Rio non è certo passata inosservata. La Giamaica, che ha sfilato subito dopo l’Italia guidata da Federica Pellegrini, concentra le proprie speranze di medaglia nello squadrone dell’atletica, pur venato negli ultimi tempi da qualche scandalo di troppo legato al doping, ma il 2016 di Bolt, che dovrebbe essere all’ultima Olimpiade della carriera, non è certo stato entusiasmante.

Il personaggio di Pechino e Londra punta ad un altro tris di ori, 100, 200 e staffetta corta, e forse anche per questo, per non affaticarsi e perdere la concentrazione, anche se le gare d'atletica cominceranno solo dal 12 agosto, ha deciso di disertare l’apertura, lui che a Londra aveva portato la bandiera giamaicana.

Attraverso un breve messaggio su Snapchat, l’uomo più veloce del mondo ha commentato in modo sommario la decisione di non presentarsi al Maracana: "Amici, è il momento della cerimonia inaugurale, ma io non ci sarò. Tutti gli autobus sono già partiti. Tutta la squadra è in strada, ma oggi sono troppo pigro per muovermi". 
 

©

ARTICOLI CORRELATI:

©Enea Bastianini, confessione su Valentino Rossi
Enea Bastianini, confessione su Valentino Rossi
©Fausto Gresini ancora grave:
Fausto Gresini ancora grave: "Sovrapposta infezione"
©Valentino Rossi: Lin Jarvis vuole evitare un cambiamento traumatico
Valentino Rossi: Lin Jarvis vuole evitare un cambiamento traumatico
 
Juventus-Napoli 2-0, le pagelle
Inter-Juventus 2-0, le pagelle
Le pagelle di Lazio-Roma 3-0
Supercoppa alla Juve, le foto
Serie A: le foto di Roma-Inter 2-2
Le pagelle di Milan-Juventus 1-3