Valentino Rossi: ancora una boutade di Jorge Lorenzo

"Potevo spingerlo al ritiro nel 2012".

21 Marzo 2021

"Potevo spingerlo al ritiro nel 2012", è quanto sostiene il maiorchino ex Yamaha.

L'ex centauro di MotoGp Jorge Lorenzo torna a far discutere dopo le parole rilasciate in un'intervista a El Mundo. Parlando del suo passato in Yamaha, il pilota maiorchino ha rivelato un suo retroscena sul ritorno di Valentino Rossi nella scuderia giapponese dopo la difficile esperienza alla Ducati.

"Vale ha sempre detto che nel 2012, dopo la sua avventura in Ducati, era vicino al ritiro. A quel tempo stavo per vincere il mio secondo Campionato del Mondo MotoGP. Ero importante in Yamaha e mi avrebbero accontentato in tutto. Se avessi deciso di mettere una clausola nel contratto per evitarlo come compagno di squadra, Valentino Rossi si sarebbe ritirato. E ora forse sarei ancora il pilota Yamaha numero uno", è quanto sostiene il cinque volte campione del mondo.

Lorenzo è poi tornato a parlare di Marc Marquez e del suo infortunio, evidenziando l'errore commesso dal catalano: "Ho fatto la pazzia più bestiale correndo ad Assen nel 2013, subito dopo aver subito un intervento chirurgico alla clavicola. Non avrebbero dovuto lasciar correre lui e nemmeno me. Siamo stati ingannati dal fatto che siamo su una moto, che il nostro sport non è contatto, ma se cadi le conseguenze possono essere davvero gravi".

©Cristian Lovati

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesMarc Marquez spiega qual è il suo limite attuale
Marc Marquez spiega qual è il suo limite attuale
©Getty ImagesLa Honda Hrc getta la maschera sull'obiettivo di Marc Marquez
La Honda Hrc getta la maschera sull'obiettivo di Marc Marquez
©MediasetJorge Lorenzo vittima di uno scherzo
Jorge Lorenzo vittima di uno scherzo
 
Milan-Genoa 2-1, le pagelle: la decide un autogol di Scamacca
Europa League: Roma-Ajax 1-1, le foto
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala