"Ferrari e Mercedes controllano la F1"

Il progettista della Red Bull: "Mi auguro che la FIA abbia la situazione sotto controllo".

20 Dicembre 2015

Il direttore tecnico della Red Bull Adrian Newey, progettista delle monoposto che hanno permesso a Sebastian Vettel di vincere quattro titoli iridati, punta il dito contro la Ferrari e la Mercedes a "The Asian Age": "Ho sempre accolto le modifiche alle regole in quanto offre l’opportunità di sperimentare. Il problema della Formula 1 è il predominio degli elementi di trasmissione. Le disposizioni circa la costruzione del telaio sono ferree, mentre si può sperimentare con i motori: in questa situazione solo Mercedes e Ferrari sono in grado di competere per il titolo e controllano lo sport. Mi auguro che la FIA abbia la situazione sotto controllo".
 
Il nuovo cambio dei regolamenti avverrà nel 2017: "I motori devono essere uguali e anche il carburante e il software. Ciò può probabilmente attirare ancora più costruttori in F1. La FIA potrebbe anche portare un motore standard nel gioco".
©

NOTIZIE TOKYO 2020:

©Tokyo 2020, splendida Maria Centracchio: ancora un bronzo dal judo
Tokyo 2020, splendida Maria Centracchio: ancora un bronzo dal judo
©Scherma flop, Elisa Di Francisca non usa giri di parole
Scherma flop, Elisa Di Francisca non usa giri di parole
©Camila Giorgi sempre più travolgente a Tokyo 2020
Camila Giorgi sempre più travolgente a Tokyo 2020
©Tokyo 2020, atroce beffa per Stefanie Horn
Tokyo 2020, atroce beffa per Stefanie Horn
©Tokyo 2020, per il Settebello dal pianto greco alla rimonta
Tokyo 2020, per il Settebello dal pianto greco alla rimonta
©Tokyo 2020, Filippo Ganna dorme sonni tranquilli
Tokyo 2020, Filippo Ganna dorme sonni tranquilli
 
Dal paracadutista alla modella: le foto delle invasioni di campo più clamorose
Italia-San Marino 7-0: le foto della goleada
Villarreal, trionfo in Europa League: le foto
Gattuso in viola: tutte le panchine di Ringhio. Le foto
I gol che hanno deciso la corsa Champions: le foto
Coppa Italia, Atalanta-Juventus 1-2: le pagelle