Juventus verso l'Udinese: Cristiano Ronaldo resta un enigma

Dopo tanti allenamenti personalizzati, le sue condizioni fisiche risultano ora buone: ma Allegri intanto ha studiato altre soluzioni.

20 Agosto 2021

Cristiano Ronaldo continua a rappresentare un enigma, e così la sua presenza contro l'Udinese.

In queste settimane, al netto delle voci di calciomercato, CR7 è apparso un corpo estraneo nel gruppo squadra. Tanto che Massimiliano Allegri sta studiando soluzioni diverse per la sua Juventus. Come se la stella portoghese non dovesse farne parte.

Intanto, dopo una lunga fase di allenamenti personalizzati, le sue condizioni sembrano finalmente buone. Lo spiega 'La Gazzetta dello Sport', secondo cui Cristiano Ronaldo sta ora bene, tanto da essersi allenato insieme ai compagni venerdì mattina. La sensazione è quindi che sia disponibile per la trasferta di Udine, dove dovrebbe essere regolarmente il campo. Il tutto dopo un'estate e una preparazione precampionato che non è un'eresia definire molto complicate.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesLuciano Spalletti paragona Victor Osimhen ai più forti del mondo
Luciano Spalletti paragona Victor Osimhen ai più forti del mondo
©Getty ImagesRoma, manita al Cska Sofia dopo la falsa partenza
Roma, manita al Cska Sofia dopo la falsa partenza
©Getty ImagesVictor Osimhen salva il Napoli a Leicester
Victor Osimhen salva il Napoli a Leicester
©Getty ImagesMaurizio Sarri prova a ignorare la papera di Thomas Strakosha
Maurizio Sarri prova a ignorare la papera di Thomas Strakosha
©Getty ImagesA Istanbul la Lazio non segna e Strakosha la combina grossa
A Istanbul la Lazio non segna e Strakosha la combina grossa
©Getty ImagesGrosso guaio per Simon Zoller
Grosso guaio per Simon Zoller
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?