"Il Grande Torino è di tutti", osserva la Appendino

"Episodio da condannare, non sono tifosi", dice il sindaco della città piemontese a proposito delle scritte ingiuriose.

4 Maggio 2017

All'interno del programma 'Tiki Taka News', il programma sportivo condotto da Pierluigi Pardo in onda tutti i giorni dal lunedì al venerdì alle ore 19.00 su Italia 1, un’intervista esclusiva alla sindaca di Torino Chiara Appendino.
 
"Il derby di Torino - ha detto -? E' sempre un momento molto particolare per la città, è una partita d’identità ed è un momento in cui ci sarà grande attenzione sul calcio. Io andrò allo stadio, come ho fatto molte altre volte, e lo vivrò con lo spirito di una persona che ama il calcio e che vivrà con grande gioia una partita. Le scritte contro la tragedia di Superga? Penso che Superga sia di tutti, il Grande Torino credo che sia patrimonio di tutti, della città e di tutte le persone che credono nello sport e amano il calcio. Queste scritte sono ovviamente da condannare e le abbiamo fatte pulire subito, perché credo che chi le abbia fatte non stia tifando, ma stia facendo altro. La Juventus alla conquista della Champions? Io, come detto più volte, sono juventina. Purtroppo non sono riuscita a vedere la gara con il Monaco perché avevo un consiglio comunale di bilancio. Non faccio profezie, andrò allo stadio a vedere il ritorno e soffrirò come sempre fino all’ultimo minuto".

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesRoberto Mancini spietato con Mario Balotelli
Roberto Mancini spietato con Mario Balotelli
©Getty ImagesSuperlega flop: via l'Inter e le inglesi. Agnelli:
Superlega flop: via l'Inter e le inglesi. Agnelli: "Valuteremo proposte Uefa"
©Getty ImagesFiorentina, colpaccio per la salvezza a Verona
Fiorentina, colpaccio per la salvezza a Verona
 
Milan-Genoa 2-1, le pagelle: la decide un autogol di Scamacca
Europa League: Roma-Ajax 1-1, le foto
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala