Il Capo di Stato si annoia: partita accorciata

La finale di Supercoppa di Mauritania è noiosa, il capo di Stato Mohamed Ould Abdel Aziz si stufa e la partita viene interrotta al 67' e decisa ai calci di rigore. E' questa l'incredibile storia che raccontano i giornali dello Stato dell'Africa Occidentale.
 
La gara tra Fc Tevragh-Zeina e Acs Ksar, iniziata regolarmente, dopo 67' è ferma sull'1-1. In tribuna c'è anche il presidente Aziz: si celebra la Festa nazionale della Mauritania.
 
La partita non lo entusiasma, e, secondo la stampa locale, il Capo di Stato chiede ed ottiene di interrompere il match e di procedere subito ai penalty: troppo fitta di impegni la sua agenda per sprecare altro tempo. Detto fatto, si va ai rigori tra lo sbalordimento generale e vince l’Fc Tevragh-Zeina.
 
La Federcalcio poche ore dopo smentisce le ricostruzioni dei giornali rilasciando una breve nota: "Smentiamo nella maniera più assoluta l’intervento del Presidente della Repubblica. La decisione è stata presa per questioni organizzative in accordo con i presidenti e gli allenatori delle due squadre".

ARTICOLI CORRELATI:

Il Celta ferma il Real di Zidane
Il Celta ferma il Real di Zidane
Antonio Conte non fa drammi
Antonio Conte non fa drammi
Per la Serie A c'è anche l'Empoli
Per la Serie A c'è anche l'Empoli
 
Le foto di Natasha Thomsen
Tutti in pista con Giulia Colombo
Le foto di Stefana Veljkovic
Rihanna incanta lo Stadium