Altafini: "Film di Pelè? Una montagna di falsità"

Josè Altafini spara a zero sul film-documentario "Pelè" dedicato alla vita del campionissimo brasiliano e uscito in Italia lo scorso 26 maggio.
 
Durante la trasmissione 'Rabona' in onda sul canale 65 Sport dal venerdì alla domenica, l'ex attaccante di Milan, Napoli e Juventus, campione del mondo insieme a Pelè nel 1958 racconta la sua verità. "Sono molto amareggiato, quel film è una montagna di falsità. Non ho mai visto Pelè quando ero bambino, abitavamo a 300 chilometri di distanza, l'ho conosciuto quando avevo già 19 anni. Io non ero ricco e la mamma di Pelè non faceva la cameriera in casa mia".
 
Altafini spiega poi la delusione per come appare il suo personaggio nella pellicola: "Nel film mi dipingono come arrogante, prepotente e classista. Io non mi riconosco in questo film, nessuno mi ha mai interpellato. Tutti i miei amici mi telefonano per dirmi che non mi riconoscono".
 
L'ex attaccante che ha vestito la maglia della Nazionale italiana tra il 1961 e il 1962 racconta anche del suo recente incontro con Pelè: "Ci siamo incontrati alla prima ed entrando nel cinema gli ho detto: 'Visto che sono ricco ti dò un euro', lui si è messo a ridere ma mi ha sorpreso che non abbia detto nulla sulle falsità raccontate".
 
Altafini non perde comunque l'ironia che lo ha sempre contraddistinto: "Da bambino ero povero, avevo solo una camicia. A cosa mi serviva una cameriera?".

ARTICOLI CORRELATI:

Coronavirus, la Germania riparte: mascherine ed esultanze di gomito
Coronavirus, la Germania riparte: mascherine ed esultanze di gomito
Problemi cardiaci per Koeman: ricoverato in ospedale
Problemi cardiaci per Koeman: ricoverato in ospedale
Ciccio Graziani lancia un appello ai tedeschi
Ciccio Graziani lancia un appello ai tedeschi
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa