Roger Federer, parole inaspettate su Novak Djokovic

Roger Federer, parole inaspettate su Novak Djokovic

Nel corso del podcast “What now?” con Trevor Noah, Roger Federer ha parlato degli altri membri del club dei Fab Four del tennis, Rafael Nadal, Novak Djokovic e Andy Murray. L’intervista, rilasciata in seguito all’uscita del documentario ‘Twelve final days’ sul suo ritiro, è stata riportata da tennisworlditalia.com. Ecco le parole del fuoriclasse svizzero di Basilea.

“Speriamo che Novak Djokovic possa continuare a battere tutti i record. Spero che Andy Murray possa giocare tanto quanto glielo permetta l’anca e che abbia ancora quella fame. Rafael Nadal sapeva di essere anche lui in una situazione difficile e spera di poter vincere ancora il più possibile”.

“Se so cosa ho fatto per il tennis? Sì e soprattutto, quando ho visto la finale del Roland Garros con Alcaraz e Zverev in 5 set che si rincorrono avanti e indietro, mi dicevo: ‘Ho fatto anche quello’”.

“L’ho fatto molte volte. Stavamo parlando di come avevo giocato 1526 partite e mi sono reso conto di aver fatto molte maratone. Sono così sollevato di non doverle più affrontare. Voglio dire, è stato divertente ma soprattutto verso la fine ricordo il riscaldamento, le pause e ancora il riscaldamento per uscire e giocare”.

“È stato uno sforzo monumentale. Adesso dici: ‘Cosa c’è di così importante? È solo tennis’ Sì, è solo tennis, ma è la tua vita e hai cercato di fare del tuo meglio davanti alla gente. Adesso mi sento davvero sollevato e vedo ogni atleta od ogni persona che dà il massimo livello che ha tutto il mio rispetto”.

Articoli correlati

P