Valentino Rossi ora insegue se stesso

Il Gran premio del Qatar gli ha dato un'indicazione poco simpatica: era dai tempi della Ducati che non arrivava al traguardo così indietro.

Valentino Rossi ora deve inseguire se stesso.

Il Gran premio del Qatar gli ha dato un’indicazione negativa: era dai tempi della Ducati che il ‘Dottore’ non arrivava al traguardo così indietro. Si è piazzato quinto alle spalle di Andrea Dovizioso e Marc Marquez, ma anche di Cal Crutchlow, su una Honda di un team privato (Lcr di Lucio Cecchinello) e di Alex Rins.

Con la ‘Rossa’ di Borgo Panigale, nel 2012, era arrivato decimo (e settimo l’anno precedente), ma poi, tornato in Yamaha, a Losail era salito sempre sul podio, a eccezione del 2016, in cui aveva tagliato il traguardo per quarto: secondo nel 2013 e nel 2014, splendidamente primo nel 2015, terzo nel 2017 e lo scorso anno.

"Sono preoccupato perché più o meno siamo messi come l'anno scorso. Siamo lì. Ho paura che soffriremo in altre piste come l'anno scorso purtroppo. Maverick? Sabato è stato impressionante, ha fatto paura, ma in gara è diverso. La gomma scivola e siamo in difficoltà, più o meno siamo messi come l'anno scorso. Siamo sempre alla ricerca di un grip dietro, poi perdiamo davanti…" ha detto domenica il fuoriclasse di Tavullia.

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesValentino Rossi: c'è una prima direttiva da Petronas
Valentino Rossi: c'è una prima direttiva da Petronas
©Getty ImagesMotomondiale, si lavora per una nuova tappa in Europa
Motomondiale, si lavora per una nuova tappa in Europa
©Aprilia Ufficio StampaLorenzo Savadori correrà anche per Fausto Gresini
Lorenzo Savadori correrà anche per Fausto Gresini
 
Parma-Inter 1-2, le foto della vittoria nerazzurra
Genoa-Sampdoria, le foto del derby della Lanterna
Sassuolo-Napoli, le foto del pirotecnico 3-3
Juventus-Spezia 3-0, le pagelle
Roma-Milan 1-2, le pagelle
Italia femminile, goleada e qualificazione agli Europei: le foto