Moise Kean prende tempo

L'attaccante della Juventus non si sbilancia sul mercato e dice: "Balotelli? Idolo solo per come gioca".

Premiato ad Asti all’evento 'Lo sport per tutti', a margine del quale ha ricevuto il Sigillo della città, Moise Kea ha risposto alle domande dei giornalisti anche in merito al proprio futuro.

Di fatto mai impiegato tra campionato e Champions, l’attaccante classe 2000 è però reduce dallo storico debutto in Nazionale, che ne ha fatto il primo ‘Millennial’ capace di indossare la maglia azzurra.

L’ex veronese però non si sente certo arrivato: "Ronaldo lo vedevo solo nei videogiochi o in tv. Giocarci insieme mi ha fatto effetto, accanto a lui e a grandi campioni come quelli della Juventus e con un allenatore come Allegri, che mi ha dato molta fiducia, si impara molto: per questo mi impegno per ripagare la sua fiducia, ho ancora tanto da dimostrare".

"Dopo la prima convocazione in Nazionale ero stracontento, per l'età che ho mi sono sentito molto fortunato. Ho capito che lavorando sodo si ottengono risultati" ha detto Kean commentando la prima in azzurro contro gli Stati Uniti.

Poche parole sul mercato, più esplicito il riferimento a Balotelli...: "Non so cosa accadrà a gennaio, ci pensa la società, io penso solo a lavorare e ad allenarmi. Il mio idolo? Balotelli, ma solo per come gioca…”.

ARTICOLI CORRELATI:

Mercato Juventus: cambia l'obiettivo a centrocampo
Mercato Juventus: cambia l'obiettivo a centrocampo
Il Lione rimette nel mirino Matuidi
Il Lione rimette nel mirino Matuidi
Rugani mette la Fiorentina davanti a tutti
Rugani mette la Fiorentina davanti a tutti
 
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena
Oriana Tubiolo, la dottoressa-wag