Buffon: "Lascio a testa alta a 40 anni"

Gianluigi Buffon in un'intervista a La Gazzetta dello Sport parla della possibile data del suo ritiro: "Vorrei lasciare a testa alta, poter guardare dritto negli occhi chi mi sta davanti. E vorrei uscire facendo il giusto rumore, senza esagerare. I 40 anni in campo e il prossimo Mondiale sono i miei ultimi obiettivi da giocatore".
 
Tra i suoi eredi si fa il nome di Donnarumma, che potrebbe quasi essere suo figlio vista la giovanissima età: "Sta facendo cose grandiose anche solo per il fatto che non si è impaurito o impressionato nel fronteggiare uno stadio come San Siro: la maglia del Milan pesa, eccome. Oltre a personalità e serenità, ha importanti doti tecniche e fisiche. Ma la cosa che mi piace di più è che stiamo parlando di un ragazzo per bene, molto posato".
 
L'obiettivo è puntato sulla Roma: "Se vinciamo li mandiamo a dieci punti: sarebbe fondamentale, perché parliamo di una squadra pericolosa, temibile. Più lontana è la Roma, meglio stiamo noi".
 
Lo scudetto: "Lo dicevano anche quando eravamo più lontani in classifica, e mi veniva da sorridere. A un certo punto del campionato tutto era nelle mani delle nostre rivali e nessuno ha avuto la forza di chiudere subito i conti. Credo che in caso di scudetto bianconero saranno in molti a doversi mangiare le mani. Ma i giochi restano aperti".
 
Poche illusioni per il Bayern: "E' un turno nel quale si hanno poche possibilità. Serviranno rabbia, cinismo, grande volontà e un briciolo di fortuna".
 

ARTICOLI CORRELATI:

Paolo Tramezzani ritrova una panchina
Paolo Tramezzani ritrova una panchina
Nuova carriera per Gonzalo Rodriguez
Nuova carriera per Gonzalo Rodriguez
Atletico Madrid, Simeone perde un riferimento
Atletico Madrid, Simeone perde un riferimento
 
Karina Cascella sempre più sexy
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena