Verona, il sindaco: "Non ho sentito i cori"

"Sui media di tutto il mondo c'è il nome della mia città accostato al razzismo: non lo accetto" riferisce Sboarina.

“Ieri ero allo stadio e i cori razzisti chi era allo stadio non li ha sentiti. Io non li ho sentiti e le persone con cui mi sono confrontato non li hanno sentiti. È chiara la condanna ad ogni forma di razzismo e di discriminazione, questo è un punto fermo e irrinunciabile che è nel dna di Verona e dei veronesi. Anche nelle registrazioni io non ho ancora sentito questi cori. Un conto è il singolo o i pochi che dicono alcune cose, un altro è dire che ci sono stati dei cori, che nessuno ha sentito e che poi, con una trasposizione, diventano l’immagine di una città”. Lo ha detto a Timeline, su Sky TG24 il sindaco di Verona Federico Sboarina commentando i cori razzisti contro l’attaccante del Brescia Mario Balotelli durante la partita Verona-Brescia.

“Io non ho attaccato Balotelli – ha continuato Sboarina - ma ho solo detto che di quell’episodio nessuno aveva avuto percezione. Se sentite le registrazioni dalla curva stava partendo un coro di incitamento al Verona. Io sono d’accordo che anche quel singolo episodio non deve essere fatto, però oggi sui media di tutto il mondo c’è il nome della mia città accostato al razzismo. Capisco la semplificazione della comunicazione, però è mio dovere dire che quella semplificazione non la accetto”.

Le foto di Verona-Brescia 2-1 Serie A 2019/2020

ARTICOLI CORRELATI:

Roma, finita l'era Pallotta: arriva Friedkin
Roma, finita l'era Pallotta: arriva Friedkin
Frosinone, rimonta da sogno
Frosinone, rimonta da sogno
L'Inter prosegue il cammino europeo
L'Inter prosegue il cammino europeo
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa