Rullo Manchester United, favore a Guardiola

Sesta vittoria su sei nella gestione Solskjaer: si arrende anche il Tottenham.

13 Gennaio 2019

Adesso non c’è più neppure la scusa del calendario facile in avvio della nuova era. Il Manchester United non si ferma più e ad accorgersene è anche il Tottenham, piegato di misura a domicilio. La cura Solskjaer sta facendo volare i Red Devils, che hanno solo vinto dopo l’esonero di Mourinho a metà dicembre.

Sesta partita e sesta vittoria che vale l’avvicinamento al quarto posto, ora lontano solo sei punti. A Wembley hanno deciso il gol di Rashford sul finire del primo tempo, su invito del sempre più ispirato Pogba, e le parate di de Gea che nella ripresa ha detto no più volte ai tentativi a ripetizione della squadra di Pochettino.

Brutto stop per gli Spurs e favore indiretto dello United ai cugini del City, più saldi al secondo posto: il Tottenham infatti resta terzo a meno nove dal Liverpool capolista. La Premier 2019 sarà un testa a testa. 

 

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesL'Atalanta soffre, poi vince: Zapata stende la Salernitana
L'Atalanta soffre, poi vince: Zapata stende la Salernitana
©Getty ImagesInter, Joaquin Correa in clinica per accertamenti: l'esito
Inter, Joaquin Correa in clinica per accertamenti: l'esito
©Getty ImagesSerie B: Pisa capolista solitario, il Benevento stende l'Ascoli
Serie B: Pisa capolista solitario, il Benevento stende l'Ascoli
©Getty ImagesInter, Denzel Dumfries vuole mostrare il suo valore
Inter, Denzel Dumfries vuole mostrare il suo valore
©TT1Mario Balotelli in gol, l'Adana Demirspor vince
Mario Balotelli in gol, l'Adana Demirspor vince
©Getty ImagesSerie A, goleada dell'Inter contro il Bologna
Serie A, goleada dell'Inter contro il Bologna
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?