Martino incorona Dybala

Il c.t. dell'Argentina esalta il talento della Juventus.

Secondo buona parte della critica, affidare al Tata Martino la guida della Nazionale più ricca di talento del mondo come quella argentina è stato un salto nel buio, alla luce dei pessimi risultati ottenuti dal Barcellona sotto la guida dell’ex c.t. del Paraguay. Ma, con i buoni uffici del concittadino rosarino Leo Messi, Martino ci riprova.
 
Spetterà a lui, salvo sorprese, guidare la Séleccion all’ennesima caccia al titolo mondiale, in Russia, nonostante il flop in Coppa America. Nel prossimo weekend l’Argentina comincerà il percorso di qualificazione, affrontando Ecuador e Paraguay. Le scelte in sede di convocazione hanno fatto rumore, con la clamorosa esclusione di Higuain per motivi disciplinari. Ma la materia prima non manca. Il ruolo di centravanti dovrebbe spettare a Tevez, e in rampa di lancio c’è Paulo Dybala:
 
"Ho ritenuto giusto convocare Dybala per iniziare a fargli prendere confidenza con la squadra - ha detto Martino - Paulo ha un potenziale enorme, e sta emergendo in uno dei campionati più difficili del mondo, adesso deve affermarsi con la Juventus”.
 
E Icardi? Le porte dell’Albiceleste continuano a essere chiuse per il centravanti dell’Inter: “In questo momento Mauro sta molto bene, è giovane e ha appena ricevuto la fascia di capitano dall'Inter. Continuiamo a seguirlo, ultimamente è anche meno presente sui media…”. Ecco spiegato il motivo dell’ostracismo.

ARTICOLI CORRELATI:

Siviglia, taglio stipendi al 70% per i giocatori
Siviglia, taglio stipendi al 70% per i giocatori
Acerbi spinge per la ripresa
Acerbi spinge per la ripresa
La Juve fissa la data del ritorno di Ronaldo
La Juve fissa la data del ritorno di Ronaldo
 
Michela Persico, la modella-giornalista
Zaira Nara e Wanda Nara: il derby della sensualità
Con Wanda Nara la vita è meno amara
Le foto di Soraja Vucelic, la prorompente ex di Neymar