Il Milan non spaventa Donadoni

"Abbiamo il dovere di andare a Milano per fare la nostra gara".

Il Bologna di Roberto Donadoni aveva chiuso il proprio 2015 con una sconfitta contro l'Empoli che non ha però in alcun modo rovinato l'ottimo lavoro svolto dall'ex allenatore del Parma dal suo arrivo sulla panchina filsinea. I rossoblù, dopo la pausa natalizia, dovranno vedersela con il Milan di Sinisa Mihajlovic, impegnato nella risalita verso il terzo posto in classifica. 

"Abbiamo il dovere di andare a Milano per fare la nostra gara.Dobbiamo cercare di mettere in difficoltà un avversario che ha forza e talento, ma vogliamo assolutamente misurarci con loro", le parole del tecnico felsineo in conferenza stampa. 
 
"Giocheremo in uno stadio che invoglia tanto. Chiedo ai ragazzi un atteggiamento propositivo, dobbiamo osare di più rispetto all'ultima gara giocata. Questo non significa andare allo sbaraglio ma giocare con la testa giusta, consapevoli delle nostre qualità e col desiderio di mettersi in mostra", ha poi aggiunto Donadoni. 
 
Importantissimo, per provare a fare il risultato contro i rossoneri, sarà l'atteggiamento aggressivo: "Il nostro risultato non passa tanto dai solisti quanto da un discorso di collettivo. Evitare di impaurirsi e di arretrare il baricentro sarà importante, contro l'Empoli in questo senso non siamo stati troppo bravi; bisogna essere più aggressivi e al contempo limitare il più possibile le fonti di gioco del Milan".

ARTICOLI CORRELATI:

Primo round salvezza al Pescara
Primo round salvezza al Pescara
Barella-Lukaku: Inter avanti
Barella-Lukaku: Inter avanti
Valter Mattioli si è sentito tradito
Valter Mattioli si è sentito tradito
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa