Reyer Venezia campione d'Italia

La squadra di De Raffaele passa a Trento per 81-78, vince la serie 4-2 e si aggiudica lo scudetto 2017.

La Reyer Venezia si aggiudica gara 6 per 81-78 e diventa campione d'Italia per la stagione 2016-17.

E' una vittoria di cuore, voglia e fatica nell'ennesima partita non bella, ma dal grande senso del dramma che chiude una stagione memorabile per Trento e manda direttamente nella storia la Reyer.

Gara sei è una vera e propria battaglia, con poca lucidità, ancor meno precisione e soprattutto è una partita che viaggia a folate vedendo, nonostante il punteggio non sia troppo alto.

Nel primo quarto regna l’equilibrio ed è Ejim a decidere di rompere il ghiaccio con tre triple che sbloccano i lagunari. Trento è evidentemente contratta, con addossola paura di veder svanire il sogno e sono almeno tre layup sbagliati da vicino a tenere avanti gli ospiti che sembrano essere in palla e con l’approccio giusto.

A cavallo tra il primo e il secondo periodo, però, la partita cambia e Trento trova ritmo. Il primo vero parziale del match è della truppa di Buscaglia che prende in mano le redini del gioco e sigla l’11-0 con cui tramortisce gli uomini di DeRaffaele, obbligato a fermare la partita.
Quando forse servirebbe più lucidità in attacco e affondare la lama nella ferita avversaria, Venezia raccoglie le idee, accantona definitivamente l’esperimento Batista e ricuce parzialmente lo strappo andando al riposo con una sola lunghezza da recuperare e venti minuti di fuoco.

All’uscita dagli spogliatoi è ancora una nuova partita con Trento che fa letteralmente a cornate contro l’intensità di Venezia e gli avversari che cominciano a prendere ritmo. Filloy apre con la bomba, Bramos prosegue e Venezia prova a mettere le mani sul match. Trento non ha risposte dai suoi uomini chiave e si aggrappa con tutte le forze a Dominic Sutton che fa letteralmente a sportellate con il mondo. E’ l’unico a trovare qualcosa di positivo per i suoi, sebbene manchi cronicamente la lucidità. Subisce falli, va in lunetta quando i suoi raggiungono la doppia cifra di svantaggio ed è il protagonista della rimonta.

Quando Venezia sembra scappare definitivamente con le scorribande di Stone e Haynes, Sutton con un giocata da tre punti a uno e mezzo dalla fine, riporta i suoi a -4.
Filloy perde malamente il pallone, ma né Craft, né Beto riescono con due triple aperte a riportare Trento a -1. Haynes fa 2-2 dalla linea e le ultime preghiere di Flaccadori e Sutton da lontano non vengono accolte. Venezia è campione.

Articolo in collaborazione con Basketissimo.com

De Raffaele

ARTICOLI CORRELATI:

La Croazia sceglie il colpo di spugna
La Croazia sceglie il colpo di spugna
Il tragico momento di Cantù nelle parole di Sacripanti
Il tragico momento di Cantù nelle parole di Sacripanti
Un milione da Messina e dai giocatori dell'Olimpia
Un milione da Messina e dai giocatori dell'Olimpia
 
Le foto della figlia di Hulk Hogan
Le foto di Bianca Gascoigne
Diletta Leotta colpisce ancora
Cecilia Rodriguez, bellezza argentina