Novak Djokovic, Grande Slam ad un passo

Finale contro Daniil Medvedev, replica del match degli Australian Open.

11 Settembre 2021

Djokovic-Zverev 3-2

Novak Djokovic è ad una vittoria dal completare il Grande Slam.

Il numero uno del mondo si è infatti qualificato per la finale degli Us Open (per la nona volta in carriera), battendo quell’Alexander Zverev che a Tokyo 2020 gli ha negato di poter lottare fino in fondo per l'oro olimpico.

Il punteggio di 4-6 6-2 6-4 4-6 6-2 in tre ore e trentotto minuti la dice lunga sulla battaglia andata in scena a Flushing Meadows, anche se il serbo è sempre sembrato in controllo della situazione

L'ultimo ostacolo tra Nole e la storia è rappresentato ora da Daniil Medvedev, in quella che sarà una replica del match degli Australian Open.

Da sottolineare come il match sia cominciato con un ritardo di una trentina di minuti, probabilmente per via dell’arrivo del presidente Biden in città per partecipare alle manifestazioni dedicate all’11 settembre.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesMatteo Berrettini si gode la chiamata più elettrizzante
Matteo Berrettini si gode la chiamata più elettrizzante
©Getty ImagesTennis: Sandgren colpisce un giudice e viene cacciato
Tennis: Sandgren colpisce un giudice e viene cacciato
©Getty ImagesNovak Djokovic, l'ex coach Boris Becker spiega cosa è successo
Novak Djokovic, l'ex coach Boris Becker spiega cosa è successo
©Getty ImagesThiem non ne ha abbastanza di Nadal, Federer e Djokovic
Thiem non ne ha abbastanza di Nadal, Federer e Djokovic
©Getty ImagesMatteo Berrettini e Jannik Sinner mai così in alto
Matteo Berrettini e Jannik Sinner mai così in alto
©Getty ImagesUs Open, Novak Djokovic punito dopo la finale
Us Open, Novak Djokovic punito dopo la finale
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?