Jannik Sinner è tornato al successo

Un mese dopo la bruciante eliminazione al primo turno di Wimbledon, l'altoatesino riparte con una vittoria in doppio nel torneo ATP 250 di Atlanta.

27 Luglio 2021

Un mese dopo la bruciante eliminazione al primo turno di Wimbledon, l'altoatesino riparte con una vittoria in doppio nel torneo ATP 250 di Atlanta.

Jannik Sinner torna al successo un mese dopo la bruciante eliminazione al primo turno di Wimbledon. Il tennista altoatesino ha superato il primo turno del torneo di doppio ad Atlanta in coppia con lo statunitense Reilly Opelka: i due hanno sbaragliato per 6-2, 6-2 Jonathan Erlich (Israele) e Santiago Gonzalez (Messico), duo testa di serie numero 2, in 53 minuti di gara.

Un buon riscaldamento per Sinner in vista del torneo individuale, che per lui partirà mercoledì: l'italiano affronterà o lo statunitense Denis Kudla, numero 103 della classifica Atp, o il qualificato australiano Christopher O'Connell. Sinner è il numero 2 del seeding.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesTennis: Sandgren colpisce un giudice e viene cacciato
Tennis: Sandgren colpisce un giudice e viene cacciato
©Getty ImagesNovak Djokovic, l'ex coach Boris Becker spiega cosa è successo
Novak Djokovic, l'ex coach Boris Becker spiega cosa è successo
©Getty ImagesThiem non ne ha abbastanza di Nadal, Federer e Djokovic
Thiem non ne ha abbastanza di Nadal, Federer e Djokovic
©Getty ImagesMatteo Berrettini e Jannik Sinner mai così in alto
Matteo Berrettini e Jannik Sinner mai così in alto
©Getty ImagesUs Open, Novak Djokovic punito dopo la finale
Us Open, Novak Djokovic punito dopo la finale
©Getty ImagesRafael Nadal è in stampelle: le condizioni del maiorchino
Rafael Nadal è in stampelle: le condizioni del maiorchino
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?