Valentino Rossi a cuore aperto: “Il team mi mancherà”

La confessione del numero 46: "Ero disperato dopo la Ducati, e sono grato di avermi ripreso".

19 Novembre 2020

Valentino Rossi in conferenza stampa ha confessato il suo rammarico per l'addio al team ufficiale della Yamaha: "Devo ringraziare Yamaha che mi ha dato la possibilità di tornare dopo due anni in Ducati: in quel momento ero disperato e potevo ritirarmi. La squadra ufficiale mi mancherà, ma sono grato alla Yamaha".

La gratitudine non nasconde però i problemi degli ultimi anni: "Dal 2016 al 2017 è stato un anno cruciale molto importante: è lì che abbiamo iniziato a soffrire. Fino al 2016 la moto era molto competitiva e si poteva vincere gare e campionati. Ma non so se è colpa della Yamaha o sono migliorate le altre Case. Dobbiamo migliorare anche noi come hanno fatto loro".

Cosa salvare del 2020: "Momenti belli del 2020? Misano1, anche se mi ha battuto Mir all’ultimo giro, ma primo-secondo in MotoGP e in Moto2 per i piloti dell’Academy. Con la Yamaha negli anni prima… tanti momenti belli, quando siamo arrivati con Burgess e c’era Furusawa. Ma il ricordo più bello è stato quando ho parlato con Lin Jarvis nel 2012, quando mi è stata data un’altra possibilità: se non ci fosse stata quell’occasione, avrei anche potuto smettere

©

ARTICOLI CORRELATI:

©MotoGP: Chicho Lorenzo si ricrede su Valentino Rossi
MotoGP: Chicho Lorenzo si ricrede su Valentino Rossi
©Una MV Agusta anche per Tommaso Marcon
Una MV Agusta anche per Tommaso Marcon
©Fausto Gresini compie 60 anni: il messaggio di moglie e figli
Fausto Gresini compie 60 anni: il messaggio di moglie e figli
 
Le immagini di Juventus-Bologna 2-0
Milan-Atalanta 0-3, le pagelle
Udinese-Inter 0-0, le pagelle
Coppa Italia, Lazio ai quarti di finale: le foto del match
Juventus-Napoli 2-0, le pagelle
Inter-Juventus 2-0, le pagelle