Maverick Viñales non si tira certo indietro

"E' evidente che ci sono ancora tanti aspetti su cui possiamo e dobbiamo migliorare" riconosce lo spagnolo.

15 Settembre 2021

Maverick Viñales vuole crescere ancora

A Misano sarà continuare a conoscere una nuova moto e una nuova squadra il target di Maverick Viñales, debuttante di lusso ad Aragòn dove ha mostrato una crescita costante durante tutto l'arco del weekend. Su una pista dove ha già qualche dato a disposizione, dopo i due giorni di test in cui ha preso contatto con la RS-GP.

"Anche se i presupposti sono diversi, avendoci già disputato un test, affronteremo Misano con lo stesso approccio di Aragòn – ha sottolineato l’ex Yamaha -. Per noi rimane fondamentale accumulare chilometri ed esperienza, il processo di adattamento all'Aprilia sta andando bene ma è evidente che ci sono ancora tanti aspetti su cui possiamo e dobbiamo migliorare. Proprio per questo non fisso obiettivi, mi riterrò soddisfatto se a fine weekend avrò fatto un altro passo avanti nel feeling con la RS-GP".

©Aprilia Racing Team Gresini

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesMarc Marquez, altro grido di allarme
Marc Marquez, altro grido di allarme
©Getty ImagesMoto2, Raul Fernandez trionfa a Misano
Moto2, Raul Fernandez trionfa a Misano
©Getty ImagesMoto3, Misano: vince Dennis Foggia, il podio è tutto tricolore
Moto3, Misano: vince Dennis Foggia, il podio è tutto tricolore
©Getty ImagesValentino Rossi, le sensazioni dopo il warm-up
Valentino Rossi, le sensazioni dopo il warm-up
©Sterilgarda Max Racing TeamMax Biaggi ha scelto Ayumu Sasaki
Max Biaggi ha scelto Ayumu Sasaki
©Cristian LovatiGiacomo Agostini mette a confronto Valentino Rossi e Pecco Bagnaia
Giacomo Agostini mette a confronto Valentino Rossi e Pecco Bagnaia
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?