La Yamaha gela Valentino Rossi

L'improvviso licenziamento di Folger va contro la direzione a cui auspica da tempo il Dottore.

Jonas Folger non sarà il collaudatore della Yamaha nel 2020. La decisione ha preso di sorpresa il circus e sembra andare contro la politica a cui auspicavano in tanti nel team, anche Valentino Rossi, che da due anni chiede all'azienda di Iwata di potenziare il test team con piloti di livello, come già fanno Honda e Ducati. Dopo il mancato accordo con Zarco questa nuova decisione che fa discutere: secondo Folger i test saranno ancora gestiti da piloti giapponesi.

"Questa brutta notizia è stata una sorpresa per me. Avevo un accordo verbale con Yamaha per continuare e persino espandere questo progetto - ha ammesso Folger -. Ma poi all’improvviso è arrivato il rifiuto, sebbene mi avessero assicurato che avrei presto ricevuto il contratto. Mi hanno detto che volevano affidare nuovamente il programma di test a piloti giapponesi. Quindi sono stato fermato per molto tempo – ha proseguito Jonas Folger -. La delusione è ovviamente eccezionale, perché mi sono fermato completamente su questo progetto e ho annullato tutte le altre opzioni per il prossimo anno. Peccato, sarebbe stata una sfida molto interessante e allo stesso tempo un compito versatile. Al momento non so come procedere con la mia carriera. Non ci sono molte opzioni ragionevoli in questa data così avanzata".

valentino rossi

ARTICOLI CORRELATI:

Viñales su Valentino Rossi:
Viñales su Valentino Rossi: "Spero che continui"
MotoGp, Marquez:
MotoGp, Marquez: "Sarà un campionato diverso"
Jorge Lorenzo paragona Valentino Rossi a Michael Jordan
Jorge Lorenzo paragona Valentino Rossi a Michael Jordan
 
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena
Oriana Tubiolo, la dottoressa-wag