Furia Juventus: brutto ko a Lione

Bianconeri sconfitti 1-0 nell'andata degli ottavi di Champions: proteste contro l'arbitraggio.

Una Juventus a due volti perde di misura a Lione nell’andata degli ottavi di Champions League ed ora sarà chiamata alla rimonta il 18 marzo all’Allianz Stadium per non dire addio con largo anticipo alla manifestazione.

Al Groupama Stadium la squadra allenata dall’ex romanista Rudi Garcia capitalizza una delle poche occasioni create, quella trasformata in rete al 31’ da Tousart su cross di Aouar, per poi disputare una partita difensiva, ma molto organizzata. La Juventus, in campo con Cuadrado a completare il tridente con Ronaldo e Dybala, non era partita male, per poi però iniziare a palleggiare con troppa lentezza e poche idee.

Musica diversa durante la ripresa, dominata dalla squadra di Sarri non solo a livello di possesso palla e conclusa con due rigori invocati per una spinta di Denayer su Ronaldo e una trattenuta di Guimaraes su Dybala, ma arbitro e Var non sono intervenuti.

Gli ingressi di Higuain e Bernardeschi hanno permesso ai bianconeri di schiacciare il Lione nella propria metà campo e le occasioni sono pure arrivate, ma Dybala ha sprecato al 70’ su cross di Alex Sandro e velo di Rabiot, deludente per il resto della partita, poi il Pipita ha sfiorato l’1-1 in mischia prima di un gol annullato allo stesso Dybala per fuorigioco millimetrico. Poi i due rigori invocati che hanno fatto infuriare Sarri, atteso domenica dalla sfida-scudetto a porte chiuse contro l’Inter.

Cristiano Ronaldo

ARTICOLI CORRELATI:

Bayern Monaco troppo forte per il Lione: va in finale con il Psg
Bayern Monaco troppo forte per il Lione: va in finale con il Psg
Psg in finale di Champions, Lipsia travolto
Psg in finale di Champions, Lipsia travolto
Beffa atroce per l'Atalanta: Psg in semifinale
Beffa atroce per l'Atalanta: Psg in semifinale
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa