Scala: "Niente da scusarmi con Melli"

1 Giugno 2016

Definite le linee guida del mercato, e anticipata una serie di addii che erano nell’aria, il piatto forte della conferenza stampa indetta a Collecchio dal Parma 1913 riguardava le appendici al “caso Melli”.
 
Il mancato ritorno in società dell’ex bandiera, nell’ultima stagione commentatore tecnico per Sky,  ha spaccato la tifoseria, anche a causa dello sfogo social del diretto interessato, che ha attaccato “frontalmente” Nevio Scala.
 
Il presidente crociato ha risposto in conferenza "Non mi sarei mai aspettato di vivere una situazione come questa, sono molto deluso e amareggiato. In tempi non sospetti ho detto che la porta del Parma sarebbe stata sempre aperta, ed è sempre aperta ancora oggi, ma questo non vuol dire che possa dare un ruolo a tutti. Non voglio dilungarmi in commenti, mi sono state dette tante cose che mi hanno deluso, sui social e sui giornali. Sandro Melli è stato un grande campione del Parma, quando mi dice che pretende le mie scuse io non vedo il motivo per farlo, non ho nulla di cui vergognarmi perché non ho promesso nulla a nessuno”.
 
Nessun rancore, però, anzi da parte del tecnico di tanti successi sulla panchina emiliana, parecchi dei quali con Melli protagonista, ci sarebbe la voglia di chiriarsi: “Stasera troverò Melli al “Sorriso degli Angeli”, non avrò nessun motivo per evitarlo, ed anzi sarò il primo ad andargli incontro se avrà voglia di salutarmi. Credo che il suo sia stato uno sfogo di cui forse si sarà già pentito”
©

ARTICOLI CORRELATI:

©La confessione di Federico Chiesa: aveva pensato di lasciare il calcio
La confessione di Federico Chiesa: aveva pensato di lasciare il calcio
©Truzzu gonfia il petto con Mastella
Truzzu gonfia il petto con Mastella
©Filippo Viscido si è tolto la vita
Filippo Viscido si è tolto la vita
 
Alisson fa gol di testa! Le foto
Juventus-Inter 3-2, le foto
Salernitana, è qui la festA. Le foto
Juventus-Milan 0-3, le foto
Inter, delirio a San Siro per la festa scudetto: le foto
Roma-Manchester United 3-2, le foto