Nazionale-Mancini: cade il muro Zenit

Il club russo ha accettato le dimissioni del tecnico jesino, aprendogli così le porte della panchina azzurra.

12 Maggio 2018

Roberto Mancini sarà il nuovo ct azzurro. L'ultimo ostacolo che c'era nella trattativa tra la Nazionale e il tecnico di Jesi era lo Zenit San Pietroburgo che, nella tarda serata di venerdì, ha accettato le dimissioni di Mancini.
Un atto non banale quello del tecnico che, pur di allenare la Nazionale, ha deciso di rinunciare a due anni di contratti a 24 milioni lordi. 
Nei prossimi giorni si attende, dunque, l'incontro decisivo con la Figc che presumibilmente avverà nella giornata di lunedì a Roma, quando il tecnico veneto tornerà in Italia.
Ogni momento diventa quello buono per siglare l'accordo tra le parti, che prevede un contratto biennale a due milioni netti a stagione.
Il nuovo corso della Nazionale con Roberto Mancini allenatore, partirà il 22 maggio con un raduno e la prima uscita ufficiale del nuovo tecnico sarà il 28 maggio, in amichevole con l'Arabia Saudita. 

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesGattuso tira le orecchie ai napoletani: il suo appello
Gattuso tira le orecchie ai napoletani: il suo appello
©Getty ImagesInsigne: commovente omaggio a Maradona
Insigne: commovente omaggio a Maradona
©Getty ImagesIl rammarico di Di Francesco tocca tutta la Sardegna
Il rammarico di Di Francesco tocca tutta la Sardegna
 
Alessia Pasqualon, la miss dei motori
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina