La Lazio imita la Roma: Samp salva al 99'

I biancocelesti raggiunti all'ultimo secondo con l'uomo in più dopo essere andati in vantaggio al 96': sabato nero per le squadre della Capitale.

Uno dei sabati più pazzi del calcio italiano si conclude con l’incredibile finale di Lazio-Sampdoria e il suo 2-2 che bissa quanto successo poche ore prima alla Roma a Cagliari. Le due squadre della Capitale accomunate da rimonte beffarde che fanno male alla classifica: la squadra di Inzaghi resta davanti di quattro punti e aggancia momentaneamente il Milan, ma come i cugini si interroga sul black out nei secondi finali. Sorride invece la Sampdoria, che dà continuità alla vittoria sul Bologna.

I blucerchiati avevano chiuso avanti di un gol il primo tempo, grazie al solito Quagliarella, a segno al 20’ su assist di Murru. Lazio generosa, ma confusa e arruffona. Meglio nel secondo tempo, favorita da una Samp che abbassa pericolosamente il baricentro. I cambi di Inzaghi danno qualità alla squadra, ma il pallone non vuole entrare, tra salvataggi sulla linea e una super-parata di Audero sull’ex Correa. Il finale però è imprevedibile: al 33’ pareggia Acerbi su azione d’angolo, la Samp non reagisce e resta in dieci per la doppia ammonizione a Bereszynski.

Sulla punizione di Luis Alberto Andersen tocca allarga il braccio in area, rigore concesso attraverso il Var e trasformato da Immobile, che sale a quota 10 reti. È il 96’, ma la Samp ha la forza di pareggiare: palla al centro, difesa laziale ferma e Saponara fa 2-2 in pallonetto.

Immobile

ARTICOLI CORRELATI:

Milan, strepitosa rimonta con la Juve
Milan, strepitosa rimonta con la Juve
La Lazio perde ancora, il Lecce respira
La Lazio perde ancora, il Lecce respira
Serie A, il Napoli aggrava la crisi della Roma
Serie A, il Napoli aggrava la crisi della Roma
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa