Juventus, gli ultras contro Leonardo Bonucci

"Non è mai stato un leader e mai lo sarà".

20 Settembre 2022

Dura presa di posizione degli ultras della Juventus che con un comunicato social hanno attaccato in primis Leonardo Bonucci.

"Stiamo assistendo a scene che non comprendiamo e fanno sorridere, o meglio scene ridicole ideate da chi si erge a leader ma si comporta da vittima sacrificale. Bonucci non è mai stato un leader e mai lo sarà. In questo momento particolare di confusione generale dove sia tra i giocatori che in Juventus e in curva, si assiste a un momento di totale anarchia dove chiunque ne abbia voglia, a turno, si erge a intenditore, a capo, a leader ed a responsabile senza che abbia il carisma e nemmeno il riconoscimento della gente o da chi da anni conosce l'ambiente. Se esistono scale gerarchiche un motivo ci sarà: un bravo soldato non e detto che sia un bravo condottiero".

"Portare dei giocatori professionisti come vittime sacrificali a guardare la curva mentre li fischiano e insultano creando una legittimazione alla contestazione ad un mese dall'inizio della stagione è semplicemente assurdo - si legge ancora - Il risultato non può che essere la formazione di un gruppo debole e carico di negatività e vittimismo. Esattamente il contrario di ciò che serve nello sport soprattutto a questi livelli e in uno sport di squadra. Chissà questi giocatori con quale tramite parlano e chi gli dice di fare cose che esulano dalla loro professione e dal loro sapere. State facendo più male voi ai vostri compagni e alla squadra di ogni allenatore, preparatore e/o dirigente incapace".

"II ruolo degli Ultras (quelli veri) invece è di sostenere la squadra finché sarà possibile. Per le contestazioni e le scuse, cari "scissionisti" c'è tempo a fine stagione oppure ci deve essere un input dall'interno. E se voi (alcuni giocatori) doveste essere gli artefici di sta "porcheria" vi dovreste vergognare, se invece lo state facendo per ignoranza o scopi personali: fermatevi e sappiate che state sbagliando modi, tempistica ed interlocutori. Se avessimo avuto qualcosa da dirvi lo avremmo fatto alla Continassa e guardandovi negli occhi come abbiamo sempre fatto in passato, non in campo davanti agli avversari con fischi e insulti rendendoci e rendendovi ridicoli e deboli. Chi indossa la maglia della Juventus FC abbassa la testa solo davanti al suo popolo e non davanti a tutti, media compresi. Bastano gli sguardi dal campo alla curva, il saluto formale con la mano alzata invece che l'esultanza per capire che vi state scusando. Noi abbiamo sempre compreso sapendo che avreste reagito. E infine non prendetevi colpe che solo i dirigenti e il presidente incompetenti hanno e a cui dovranno rispondere. Sempre e solo per amore della maglia!", termina la lettera aperta.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesMilan in ansia per Simon Kjaer, il c.t. danese Hjulmand si espone
Milan in ansia per Simon Kjaer, il c.t. danese Hjulmand si espone
©Getty ImagesLazio, Maurizio Sarri perde un difensore
Lazio, Maurizio Sarri perde un difensore
©Getty ImagesBatistuta:
Batistuta: "Fiorentina? Sono quasi stanco di ripeterlo..."
©Getty ImagesGoran Pandev ha già scelto cosa farà in futuro
Goran Pandev ha già scelto cosa farà in futuro
©Getty ImagesParma, Pecchia:
Parma, Pecchia: "Mai allenato una squadra così"
©Getty ImagesRaspadori illumina l'Italia: Inghilterra piegata a San Siro
Raspadori illumina l'Italia: Inghilterra piegata a San Siro
 
Italia-Inghilterra 1-0, le pagelle: Azzurri rinati
Il derby di Madrid lo vince Ancelotti. Le foto del match
Sfida al vertice in Serie A tra Milan e Napoli. Le foto del match
Cartellino rosso! Angel Di Maria si fa cacciare dal campo a Monza: le foto
Udinese-Inter 3-1, le pagelle
Grande spavento per Marco Reus: esce dal campo in barella! Le foto
Fallo shock di Collins su Grelish: le foto del bruttissimo intervento
Fantacalcio, i nostri consigli per la settima giornata: chi schierare tra portieri, difensori, centrocampisti e attaccanti