Guidolin si sente pronto: "Sì all'Italia"

27 Marzo 2016

Francesco Guidolin è pronto per la panchina dell'Italia. L'attuale manager dello Swansea, in un'intervista concessa al Corriere della Sera, ha parlato del suo futuro tra club e Nazionale, candidandosi al dopo Conte.
 
La sua avventura in Premier è più che positiva. L'ex Udinese ha raccontato la sua esperienza in Galles, alla guida dello Swansea: "Qui fino a due anni fa i giocatori si cambiavano in un centro sportivo utilizzato anche da altra gente, mentre ora ci sono due centri di allenamento uno più bello dell'altro. Il popolo gallese è orgoglioso e gentile. E il nostro logo col cigno secondo me è il più bello. Avevo bisogno di nuovi stimoli e qui è tutto nuovo".
 
Il campionato inglese è sempre più terreno di conquista di tecnici italiani, come Claudio Ranieri che comanda la classifica: "Vedo il Leicester con ammirazione, anche per Claudio Ranieri che stimo tantissimo, ma con relativa sorpresa. Li vediamo giocare e capiamo che stanno sognando a occhi aperti: a volte i sogni si possono realizzare, perché se tutti sognano allo stesso modo si uniscono delle forze che sembra che non possano esistere. E invece ci sono e fanno ottenere risultati insperati".
 
Nonostante alleni lontano dall'Italia, un occhio alla Serie A non manca: "Scudetto alla Juventus? È una bella lotta col Napoli e lo sarà fino alla fine. Può bastare un inciampo di una delle due per cambiare l'equilibrio. Sarri ha avuto l'occasione alla quale io ho rinunciato, una delle 6/7 chiamate che ho ricevuto quando ero fermo. Non ho alcun rimpianto e anzi faccio i complimenti a Sarri. Del resto non avevo dubbi, quello dell'allenatore di provincia è solo un luogo comune tutto italiano, sono convinto che avrei potuto fare molto bene anch'io".
 
L'esperienza acquisita negli anni fa di Guidolin l'uomo giusto per la Nazionale italiana: "Sono sottostimato? No. La scelta di non curare molto l'immagine è mia. E due anni fa, prima che si liberasse Conte, penso di essere stato molto vicino alla panchina azzurra, almeno secondo i rumors . Mi piace quando parlano bene di me, perché credo di aver fatto molto bene in carriera: mi sento come quei registi che non vengono premiati a Hollywood, ma piacciono tantissimo a una nicchia.
 
E questo mi gratifica - ha proseguito -. Mi sento molto in equilibrio in questo momento particolare della mia vita. E anche molto tranquillo. Vivo il calcio con grande intensità, senza la quale non sarei diventato il settimo allenatore con più presenze della storia della Serie A. Per quello che ho fatto non devo ringraziare nessuno. E penso di avere l'equilibrio e la lucidità per poter gestire ogni situazione. Anche sulla panchina della Nazionale".
©

NOTIZIE TOKYO 2020:

©Tokyo 2020, le insaziabili olandesi segnano 33 gol al Sudafrica
Tokyo 2020, le insaziabili olandesi segnano 33 gol al Sudafrica
©Tokyo 2020, Gregorio Paltrinieri lancia la nuova sfida
Tokyo 2020, Gregorio Paltrinieri lancia la nuova sfida
©Tokyo 2020, tutti gli scenari possibili per i Meo Boys
Tokyo 2020, tutti gli scenari possibili per i Meo Boys
©Tokyo 2020, spadisti infuriati per l'arbitraggio
Tokyo 2020, spadisti infuriati per l'arbitraggio
©Tokyo 2020: incredibile, Novak Djokovic ha perso
Tokyo 2020: incredibile, Novak Djokovic ha perso
©Tokyo 2020, il canottaggio e un'Olimpiade rocambolesca
Tokyo 2020, il canottaggio e un'Olimpiade rocambolesca
 
Dal paracadutista alla modella: le foto delle invasioni di campo più clamorose
Italia-San Marino 7-0: le foto della goleada
Villarreal, trionfo in Europa League: le foto
Gattuso in viola: tutte le panchine di Ringhio. Le foto
I gol che hanno deciso la corsa Champions: le foto
Coppa Italia, Atalanta-Juventus 1-2: le pagelle