Galliani: "Impensabile Monza in C il prossimo anno"

"Abbiamo toccato solo gli stipendi della prima squadra e dell'allenatore in prima" ha aggiunto l'ad biancorosso.

Adriano Galliani, in diretta a 'Tutti Convocati' su Radio 24, ha tenuto a spiegare il sistema di riduzione ingaggi da lui adottato al Monza: "Ho deciso, d’accordo col presidente Berlusconi, che avrei toccato solo gli stipendi della prima squadra e dell'allenatore in prima. Tutti gli altri non hanno avuto un euro di riduzione. Secondo equità, ho ridotto del 50% a chi non creava danni particolari e loro hanno detto di sì un minuto dopo. I calciatori del Monza guadagnano più della media della Serie C. Non ho chiesto nulla ai massaggiatori o a tutti coloro che avrebbero avuto problemi ad andare nei supermercati".

"Non immaginavo il Coronavirus, ma mi auguro possa ancora accadere che il Monza, con sedici punti di vantaggio dalla seconda a undici giornate dalla fine, salga in serie B – ha aggiunto l’amministratore delegato biancorosso -. Mi auguro che il campionato termini regolarmente e ci venga riconosciuto quel vantaggio abissale conquistato sul campo. Dovesse finire qui, non accetteremmo un congelamento della situazione. Abbiamo vinto il campionato, per cui faremmo ricorso ovunque: mi auguro possa finire nei prossimi mesi, se poi qualcuno ci recupererà vada giustamente in B. Ma non si può pensare che il Monza, dopo gli investimenti e i punti fatti, resti in Serie C e l'ultima della B resti in B".

adriano galliani

ARTICOLI CORRELATI:

Ecco la Juventus che Sarri manderà in campo dopo lo stop
Ecco la Juventus che Sarri manderà in campo dopo lo stop
Riapertura stadi: a Cagliari si punta a fine luglio
Riapertura stadi: a Cagliari si punta a fine luglio
Coppa Italia: nuovo nodo da sciogliere prima della ripartenza
Coppa Italia: nuovo nodo da sciogliere prima della ripartenza
 
Karina Cascella sempre più sexy
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena