Reggio Emilia riapre la finale

Un inizio illusorio, poi l’Olimpia Milano è sempre sotto nel punteggio e crolla nel quarto periodo, dando anche qualche segnale di nervosismo. La Grissin Bon Reggio Emilia si impone per 81-72 e riapre la finale scudetto, accorciando sull’1-2 il punteggio della serie tricolore, sulle ali di un Lavrinovic praticamente inarrestabile e di un Della Valle capace di mettere punti nei momenti chiave del confronto. Nella squadra biancorossa non entrano mai in partita Gentile e Sanders, i due migliori delle prime due partite, così come ci sono tanti errori ai liberi e palle perse banali, accoppiati ad una difesa adeguata alla partita solamente nel corso del terzo periodo.
 
Repesa parte, a sorpresa, con il doppio playmaker Cinciarini-Kalnietis e la scelta è premiata, perché sono proprio i due registi i protagonisti del brillante avvio biancorosso (9-17 al 6’), nonostante qualche palla persa di troppo. Il PalaBigi diventa presto infuocato, con lanci di palle di carta ad ogni fischio arbitrale, ed in questo clima sono i padroni di casa ad esaltarsi, con la coppia lituana Lavrinovic-Kaukenas: parziale di13-1 per riaggancio e sorpasso, arrivando anche a +7 (29-22 al 14’) con la tripla di Silins. E’ Simon a riavvicinare l’EA7, però la difesa lascia a desiderare soprattutto vicino a canestro, dove è ancora il lituano ex Khimki (15 punti) a fare la voce grossa e De Nicolao firma il massimo vantaggio interno (43-33) all’intervallo lungo.
 
La squadra di Repesa rientra con un’altra faccia dagli spogliatoi, soprattutto a livello difensivo, concedendo pochissimo ai padroni di casa e riavvicinandosi con i punti di McLean e Simon (50-47 al 28’). Ma la rimonta non viene completata, perché Della Valle inventa dal nulla due triple, riportando i suoi in controllo ed infuocando nuovamente il PalaBigi. Reggio si esalta e mette un’energia superiore sul parquet, aggiornando il massimo vantaggio in avvio di ultimo periodo sul 62-51. L’ultimo sussulto milanese è una tripla di Sanders, all’unica giocata positiva della partita, ma arrivano perse banali, così i canestri pesanti di Polonara e Needham chiudono i conti con anticipo, con i padroni di casa anche a +19, prima di un tardivo tentativo biancorosso. Reggio accorcia sull’1-2.
 
In collaborazione con basketissimo.com

ARTICOLI CORRELATI:

John Brown saluta Brindisi
John Brown saluta Brindisi
Giampaolo Ricci si prenota una Ferrari
Giampaolo Ricci si prenota una Ferrari
Dinamo, arriva il lituano Bendzius
Dinamo, arriva il lituano Bendzius
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa