Giulio Ciccone e il flop di Tokyo: "Tanto stress"

Il ciclista azzurro è tornato sulla prestazione dell'Italia nella prova in linea a squadre a Tokyo 2020.

25 Luglio 2021

Il ciclista azzurro è tornato sulla prestazione dell'Italia nella prova in linea a squadre a Tokyo 2020.

Giulio Ciccone ha analizzato la prestazione dell'Italia nella prova in linea a squadre a Tokyo 2020, per molti versi insufficiente. Il ciclista teatino è stato il primo della squadra di Cassani a provare a muovere le acque, ma il tentativo non è andato a buon fine: "L’idea era di anticipare, ci ho provato io, poi Damiano (Caruso ndr) e anche Vincenzo (Nibali ndr). È stata una gara strana, condizionata dal tanto caldo e dal tanto stress".

"Ho cercato di dare il massimo per i miei compagni e penso che abbiamo lavorato bene. Alberto (Bettiol nd) era quello che aveva dimostrato di stare meglio, il nostro compito era quello di cercare di mettere in difficoltà gli altri", sono le parole riportate da tuttobiciweb.it.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesTokyo 2020, il medagliere aggiornato al 4 settembre
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 4 settembre
©Getty ImagesTokyo 2020, storico podio tutto azzurro nei 100 metri
Tokyo 2020, storico podio tutto azzurro nei 100 metri
©Getty ImagesTokyo 2020, tre azzurre in finale nei 100 metri con record
Tokyo 2020, tre azzurre in finale nei 100 metri con record
©Getty ImagesTokyo 2020, il medagliere aggiornato al 3 settembre
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 3 settembre
©Getty ImagesTokyo 2020, Assunta Legnante arrabbiata per l'argento
Tokyo 2020, Assunta Legnante arrabbiata per l'argento
©Getty ImagesTokyo 2020, il medagliere aggiornato al 2 settembre
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 2 settembre
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?