Moto3: Dennis Foggia vince in volata ad Aragon

Terza vittoria stagionale per il pilota italiano che batte Oncu. Fuori sia Acosta che Garcia.

12 Settembre 2021

Mancano cinque gare alla fine

Nuova vittoria italiana in Moto3. Dopo la tripletta di Silverstone, Dennis Foggia ha infatti trionfato nel Gp di Aragon. Il pilota della Honda Leopard ha battuto in volata il turco Deniz Oncu e si è portato a casa il terzo successo stagionale, dopo quelli del Mugello e di Assen.

Terzo gradino del podio per il giapponese Ayumu Sasaki e buona gara anche per altri due italiani: 5° Niccolò Antonelli e 6° Andrea Migno. Zero punti invece per il leader del Mondiale Pedro Acosta, caduto dopo un contatto con Artigas, e per il primo inseguitore Sergio Garcia, finito a terra all'ultimo giro quando era in lotta per il podio.

Il campionato ora è riaperto. A cinque gare dalla fine Acosta è sempre in testa con 46 punti di vantaggio su Garcia, ma Foggia con questo successo si è avvicinato a -58. Poi c'è Romano Fenati, solo 14° ad Aragon, a -67.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesFabio Quartararo vede rosso e alza bandiera bianca
Fabio Quartararo vede rosso e alza bandiera bianca
©Getty ImagesPecco Bagnaia è rimasto di nuovo senza più benzina
Pecco Bagnaia è rimasto di nuovo senza più benzina
©Getty ImagesDominio Ducati a Misano, Valentino Rossi a terra
Dominio Ducati a Misano, Valentino Rossi a terra
©Getty ImagesMoto3, prima fila tutta italiana a Misano
Moto3, prima fila tutta italiana a Misano
©Getty ImagesMotoGp, decisi i piloti del team di Valentino Rossi per il 2022
MotoGp, decisi i piloti del team di Valentino Rossi per il 2022
©Getty ImagesMotoGp, tutti i tempi del sabato mattina a Misano
MotoGp, tutti i tempi del sabato mattina a Misano
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?