Marquez su Valentino Rossi: "Ognuno ha la sua era"

"Resterò in MotoGP finché non mi cacceranno a calci in culo".

Il centauro della Honda Marc Marquez si è espresso sul momento attuale della MotoGp, che sta dominando: "Sono consapevole che un giorno arriverà qualcuno che sarà più veloce di me. Questo è lo sport, questa è la vita. Ognuno ha la sua era. Gli anni passano e ad un certo punto nello sport arriva il momento in cui arriva un calciatore o un pilota più giovane. E’ un processo naturale. Ho imparato tante cose da Valentino, sto ancora imparando da lui. Quello che fa è incredibile. Ora però è arrivato Quartararo", le sue parole a Speedweek.

"A Jerez abbiamo visto altri talenti che sono veloci. Questo è lo sport. A Jerez ero il più anziano tra i primi 3 in qualifica e sul podio domenica. In qualifica c’erano Quartararo e Morbidelli e in gara Rins e Vinales. Ho solo 26 anni. Questo significa che la generazione più giovane ha raggiunto il top. A 26 anni però mi sento ancora molto giovane. Non sai mai quando finisce il tuo tempo. Il presente però ha un sapore dolce. Nessuno può sapere quando finirò di vincere. Resterò in MotoGP finché non mi cacceranno a calci in culo. Se non ti fai male e tieni la tua condizione ad alto livello puoi arrivare anche fino a 40 anni".

valentino rossi, marquez

ARTICOLI CORRELATI:

Rossi-Petronas: ormai ci siamo
Rossi-Petronas: ormai ci siamo
Valentino Rossi-Petronas: ipotesi biennale
Valentino Rossi-Petronas: ipotesi biennale
Ducati, grave lutto per Davide Tardozzi
Ducati, grave lutto per Davide Tardozzi
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa