Fenati: "Non mi sentivo me stesso"

25 Agosto 2016

Romano Fenati è tornato a parlare dopo la clamorosa rottura consumatasi con lo Sky Racing Team VR46. Il centauro ascolano lo ha fatto con ‘La Stampa’.

"Si è scritto di liti e pass da me tirati in faccia, ma non è assolutamente accaduto nulla di ciò. Ho semplicemente chiesto spiegazioni al mio capotecnico sul perché avessi un distacco così grande in qualifica. Poi c’è stata una riunione fra mia madre, che è l’amministratore delegato della società che cura i miei interessi, e i responsabili del team. Io, per contratto, avrei dovuto avere un mio personale tecnico delle sospensioni e questo punto non era stato rispettato. Si è cercato un accordo per proseguire la collaborazione, ma non è stato trovato", ha raccontato.

"Provo fastidio quando vedo ingiustizie o superficialità - ha aggiunto -. Allora cerco di avere spiegazioni.  E’ giusto maturare tecnicamente, ma una persona deve rimanere se stessa. Non si può cambiarla o costruirla a tavolino, per me è meglio un 'vaffa' detto in faccia che una coltellata alle spalle. Non mi sentivo me stesso. Diciamo che venivo indirizzato, era tutto pre-costruito, mentre io sono un tipo istintivo".
 

©

ARTICOLI CORRELATI:

©MotoGP: Marc Marquez tra soddisfazione e ansia
MotoGP: Marc Marquez tra soddisfazione e ansia
©MotoGP: Valentino Rossi vuota il sacco sul ritorno di Marquez
MotoGP: Valentino Rossi vuota il sacco sul ritorno di Marquez
©Marc Marquez racconta la sua più grande paura
Marc Marquez racconta la sua più grande paura
 
Europa League: Roma-Ajax 1-1, le foto
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala
Real Madrid-Liverpool 3-1, le foto