Vuelta, Fabio Aru è andato ancora all'attacco

Nuovo tentativo di fuga nella 19° tappa. Ma poi si è staccato e ha chiuso a 2'30" di ritardo.

3 Settembre 2021

La maglia rossa resta sulle spalle di Primoz Roglic

Fabio Aru ha provato la fuga anche nella 19° tappa della Vuelta di Spagna. Il ciclista sardo del Team Qhubeka Nexthash è partito all'attacco all'inizio della frazione di 191 km da Tapia a Monforte de Lemos.

Aru è stato poi ripreso nella fase cruciale e ha concluso la tappa 111° a 2'30" di ritardo da Magnus Cort Nielsen (EF Education-Nippo), al suo terzo successo in questa Vuelta. Il danese ha battuto in volata il portoghese Rui Oliveira e l'americano Quinn Simmons. Quarto l'italiano Andrea Bagioli della Deceuninck-Quick Step.

In classifica generale la maglia rossa è sempre lo sloveno Primoz Roglic della Jumbo-Visma, seguito da due Movistar: Enric Mas a 2'30" e Miguel Angel Lopez a 2'53". Domani ancora montagna nella penultima tappa di 202 km da Sanxenxo a Mos.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesFabian Cancellara consiglia a Filippo Ganna nuove sfide
Fabian Cancellara consiglia a Filippo Ganna nuove sfide
©Getty ImagesFilippo Ganna svela un nuovo obiettivo
Filippo Ganna svela un nuovo obiettivo
©Sportal.itMaurizio Fondriest si coccola già Filippo Ganna ma non dimentica Vincenzo Nibali
Maurizio Fondriest si coccola già Filippo Ganna ma non dimentica Vincenzo Nibali
©Getty ImagesSonny Colbrelli storce il naso e non gioisce
Sonny Colbrelli storce il naso e non gioisce
©Getty ImagesLussemburgo, Modolo esulta dopo 3 anni. Vincenzo Nibali in gruppo
Lussemburgo, Modolo esulta dopo 3 anni. Vincenzo Nibali in gruppo
©Getty ImagesFabio Aru volta pagina: il suo bilancio finale
Fabio Aru volta pagina: il suo bilancio finale
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?