Viviani confessa: "Non ci credevo più"

Il tricolore festeggia la sua 70esima vittoria.

Elia Viviani ai microfoni della Gazzetta dello Sport ha commentato la vittoria in volata all'Uae Tour: un colpo di reni spettacolare nel finale ai danni di Gaviria. Per il campione d'Italia si tratta della 70esima vittoria in carriera: "Finalmente l'ho battuto. Mentalmente sarebbe stato difficile da accettare pensando alle sfide che ci attendono, da Tirreno­Adriatico e Sanremo". 

Il conto delle vittorie: "Per me 71, io conto anche il primo. Al Giro di Cuba 2010. Arrivo da un 2018 con 18 vittorie e a turno ho battuto quasi tutti i rivali ma non Fernando, che era in squadra con me. Non era facile trovarselo contro e qui lunedì mi aveva battuto senza se e senza ma. Bisognava reagire subito, ed è quello che ho fatto. Lui è il più pericoloso di tutti in volata per me. Ha talento e una forza invidiabile. Ha una volata lunga ed è bravissimo a non farsi rimontare. Poi, non molla mai. Fateci caso se rivedete questo sprint: era quarto, poi con il colpo di reni sulla linea ha passato Kittel e Bennett".

Il racconto della volata: "Avevo chiesto a Morkov un “lead­out” corto e veloce. Ma ai 500 metri ci ha anticipato Kristoff, che pilotava Gaviria. Non mi sono fatto prendere dal panico, non ho fattoaspallate. Ho solo aspettato e scelto la destra per uscire, dove Sabatini mi avrebbe aperto la strada".

Il corridore della Quick Step confessa: "Non ci credevo. Mancava poco. Ma mi sono infilato in un pertugio molto stretto e negli ultimi 30 metri ero molto veloce. Il successo è per quei ragazzi che ho davanti. Quando perdo, sentono la pressione pure loro. Non ero il solo a volermi rifare".

viviani

ARTICOLI CORRELATI:

Aru:
Aru: "Farò il Tour de France"
Bartoli:
Bartoli: "Nibali può stupire"
E' morto Claudio Ferretti, giornalismo in lutto
E' morto Claudio Ferretti, giornalismo in lutto
 
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena
Oriana Tubiolo, la dottoressa-wag