Nicola Ruffoni trova la giustificazione

Il velocista della Bardiani si sfoga su Facebook dopo la positività costata l'esclusione dal Giro d'Italia.

5 Maggio 2017

Prima di regalare una prima maglia rosa a sorpresa, il Giro d’Italia del Centenario si è aperto con lo sgradito fuoriprogramma della positività all'antidoping di Nicola Ruffoni e Stefano Pirazzi.

I due corridori della Bardiani sono stati ovviamente esclusi dalla competizione, ma le reazioni non si sono fatte attendere.

Il primo a parlare è stato Ruffoni che ha sfogato la propria rabbia su un post su Facebook: “So che la mia carriera è a rischio ma non sono un truffatore. Ora aspetterò le controanalisi"  ha detto il 25enne velocista bresciano, che ha ribadito di non aver mai utilizzato sostanze illecite, giustificando i valori anomali dell’ormone della crescita agli antibiotici utilizzati per curare una prostatite sofferta tra marzo e aprile.

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesVincenzo Nibali, è arrivato il via libera: le sue parole
Vincenzo Nibali, è arrivato il via libera: le sue parole
©Getty ImagesGianni Moscon concede il bis a Naturno
Gianni Moscon concede il bis a Naturno
©Getty ImagesMonica Bandini morta all'improvviso, ciclismo sotto choc
Monica Bandini morta all'improvviso, ciclismo sotto choc
 
Serie A: Napoli-Lazio 5-2, le foto
Serie A: Roma-Atalanta 1-1, le foto
Milan-Genoa 2-1, le pagelle: la decide un autogol di Scamacca
Europa League: Roma-Ajax 1-1, le foto
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida