Moscon: "Dopo il Tour gonfio come un pallone"

Il ciclista ripercorre il suo anno travagliato: "Sullo Stelvio mi veniva da piangere".

Gianni Moscon in un'intervista alla Gazzetta dello Sport ripercorre la sua stagione travagliata dopo l'ottimo Mondiale corso nello Yorkshire: "Qualunque altra gara, Trentin l’avrebbe vinta. Ma aveva speso tanto per rientrare su chi era davanti. E poi il freddo, 260 chilometri, una giornata così... cambiano le carte in tavola. La corsa è stata veramente estrema. Mai ne avevo vissuta una così".

Il suo 2019 era partito malissimo: "Un anno difficilissimo. Iniziato male e continuato peggio. La voglia di strafare ti fa cadere sempre in basso. In inverno ho lavorato come non mai. Ore e ore di bici e di lavori specifici. Poi in Colombia, a inizio anno, idem. Ore e ore, e sono tornato “cadavere”. Non ho potuto recuperare, perché 10 giorni lontano dalla bici non ho mai potuto farli. Dopo le classiche, avrei avuto in programma il Giro. Poi abbiamo cambiato e ho fatto il Tour ma l’occasione di staccare non c’è stata".

Le difficoltà al Tour: "Alla fine delle tre settimane ero morto. Stanchezza, ritenzione, ho mangiato di più... mi sono gonfiato come un pallone. Mi sono pesato al ritorno a casa ed ero quasi 80 chili, mentre avevo cominciato la corsa intorno ai 70. Almeno 8 chili in più. Non mi riconoscevo. Ho fatto 8 giorni senza bici, ho cercato di recuperare curando tutto. Il cibo, gli allenamenti. Immaginate che cosa sia ricominciare dallo Stelvio in questa situazione. Mi veniva da piangere".

moscon

ARTICOLI CORRELATI:

Aru:
Aru: "Farò il Tour de France"
Bartoli:
Bartoli: "Nibali può stupire"
E' morto Claudio Ferretti, giornalismo in lutto
E' morto Claudio Ferretti, giornalismo in lutto
 
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena
Oriana Tubiolo, la dottoressa-wag