Maxi-ripescaggio alla Vuelta: Guillen si giustifica

5 Settembre 2016

93 atleti hanno tagliato il traguardo della tappa Sabinanigo-Sallent de Gallego, la 15esima della Vuelta a España 2016 di 118,5 chilometri, ben oltre il tempo massimo consentito: sono giunti all’arrivo dopo 53 minuti e 54 secondi rispetto al vincitore di tappa Gianluca Brambilla (Etixx-QuickStep), ovvero oltre 25 minuti più tardi del consentito.

Ma la direzione di gara ha deciso di condonare l’inadempienza e di ripescare i corridori. Così si è giustificato Javier Guillen, direttore della Vuelta a España: "Escludere i ciclisti sarebbe stato un serio danno all'immagine del nostro sport e delle squadre, che sarebbero state seriamente in difficoltà nel continuare la corsa".

Per la cronaca, se fossero stati esclusi (come da regolamento), in gara sarebbero rimasti solamente 71 atleti.

©

ARTICOLI CORRELATI:

©Fabio Aru lascia spazio agli specialisti
Fabio Aru lascia spazio agli specialisti
©Inattesa decisione di Tom Dumoulin, che scende dalla bici
Inattesa decisione di Tom Dumoulin, che scende dalla bici
©Il Covid-19 rovina i piani di Vincenzo Nibali
Il Covid-19 rovina i piani di Vincenzo Nibali
 
Le immagini di Juventus-Bologna 2-0
Milan-Atalanta 0-3, le pagelle
Udinese-Inter 0-0, le pagelle
Coppa Italia, Lazio ai quarti di finale: le foto del match
Juventus-Napoli 2-0, le pagelle
Inter-Juventus 2-0, le pagelle