Addio a Gimondi, lo strazio di Merckx

Il belga non si dà pace per la scomparsa dell'amico-rivale: "Se ne va un pezzo della mia vita".

Sulle strade sono stati rivali per 15 anni e ha quasi sempre vinto Eddy Merckx, al punto che Felice Gimondi è passato alla storia del ciclismo con il soprannome di ‘Eterno secondo’ pur avendo vinto tanto, anzi tantissimo, tra classiche e grandi Giri (il bergamasco è stato uno dei sette capaci di vincere Giro, Tour e Vuelta).

Ora però che Gimondi non c’è più a causa del malore che lo ha ucciso in Sicilia, Merckx non si dà pace: “Stavolta perdo io. Perdo prima di tutto un amico e poi l’avversario di una vita – le parole del 'Cannibale' all’Ansa - Abbiamo gareggiato per anni sulle strade l’un contro l’altro, ma siamo diventati amici a fine carriera. L’avevo sentito due settimane fa così come capitava ogni tanto. Che dire, sono distrutto”

“Felice è stato prima di tutto un grande uomo, un grande campione, purtroppo ce lo hanno portato via – ha aggiunto il belga - È una grande perdita per il ciclismo. Mi vengono in mente tutte le lotte che abbiamo fatto insieme... Un uomo come Gimondi non nasce tutti i giorni, con lui se ne va una fetta della mia vita. È stato tra i più grandi di sempre”.

Gimondi, Merckx

ARTICOLI CORRELATI:

Ciccone scommette su Nibali
Ciccone scommette su Nibali
Ciccone:
Ciccone: "Intesa perfetta con Nibali"
Cipollini ancora operato: di nuovo problemi al cuore
Cipollini ancora operato: di nuovo problemi al cuore
 
Le foto di Natasha Thomsen
Tutti in pista con Giulia Colombo
Le foto di Stefana Veljkovic
Rihanna incanta lo Stadium