Paolo Rossi: "Juve avanti al 30%"

1 Marzo 2016

Passionedelcalcio.it ha intervistato Paolo Rossi, ex attaccante bianconero (che ha giocato a fine carriera col Milan e con l’Hellas Verona) e uomo simbolo del Mondiale ‘82, in cui si laureò miglior marcatore del torneo con 6 reti.
 
I bianconeri riusciranno nell’impresa contro il Bayern Monaco?
 
Il discorso è scivoloso. Se ci dovessimo basare sul primo tempo visto tra le due compagini allo Juventus Stadium direi di no, se invece la squadra scenderà in campo motivata come nel secondo tempo tutto diventa possibile. Le probabilità di passare sono al 30%.
 
Cosa pensa della rimonta del Milan nel girone di ritorno? E qual è stata la chiave per la svolta?
 
Il Milan ha pagato inizialmente, un po’ come è avvenuto alla Juve, il fatto di avere giocatori nuovi e di non trovare un assetto. Ora è semplicemente più quadrato e c’è soprattutto un maggior equilibrio.
 
Dove può arrivare la nostra Nazionale all’Europeo in Francia?
 
L’Italia è forte, anche se è difficile prevedere fin dove possa spingersi. Le basi ci sono tutte. I padroni di casa così come i tedeschi possono far bene, ma noi abbiamo in Conte un fortissimo motivatore, che saprà dare lo sprint giusto ai giocatori.
 
Se fosse il ct su chi punterebbe?
 
Su attaccanti come Zaza, Immobile e Eder. Verratti poi è il nuovo Pirlo. Non dimentichiamoci  i veterani Buffon, Chiellini, Bonucci e Marchisio.
 
Per lei l’82 fu d’oro visto che vinse tutto: Mondiale, classifica capocannonieri dello stesso e pallone d’oro. Se dovesse scegliere un solo momento, il ricordo più bello di quell’anno?
 
Sceglierei la partita contro il Brasile, perché è stata la svolta del Mondiale e della mia carriera. Sembrava veramente una favola. Non c’è un altro giocatore che abbia segnato 3 gol ai verdeoro.
 
C’è un premio che non tutti conoscono, La bici del goleador*, istituito da Gianni Savio nel 1978, di cui lei è stato insignito. Cosa rappresenta? Ha praticato anche il ciclismo?
 
E’ un bel ricordo. Un premio che abbina due sport contrassegnati dallo sforzo. Ciclismo e fatica è il binomio per antonomasia, ma anche nel calcio non si scherza. Vado in bici. Ovviamente ho praticato questa disciplina in maniera amatoriale.
©

NOTIZIE TOKYO 2020:

©Tokyo 2020, Gianmarco Tamberi in finale:
Tokyo 2020, Gianmarco Tamberi in finale: "Che schifo"
©Tokyo 2020, Julio Velasco disintegra Elisa Di Francisca:
Tokyo 2020, Julio Velasco disintegra Elisa Di Francisca: "Parole disgustose"
©Fioretto flop, Elisa Di Francisca attacca il ct e la Errigo
Fioretto flop, Elisa Di Francisca attacca il ct e la Errigo
©Tokyo 2020, Camila Giorgi sorride:
Tokyo 2020, Camila Giorgi sorride: "Ho ritrovato la mia strada"
©Aldo Montano in lacrime:
Aldo Montano in lacrime: "Il salto nel buio fa paura"
©Andy Murray non si dà pace:
Andy Murray non si dà pace: "Sono distrutto"
 
Dal paracadutista alla modella: le foto delle invasioni di campo più clamorose
Italia-San Marino 7-0: le foto della goleada
Villarreal, trionfo in Europa League: le foto
Gattuso in viola: tutte le panchine di Ringhio. Le foto
I gol che hanno deciso la corsa Champions: le foto
Coppa Italia, Atalanta-Juventus 1-2: le pagelle