Rugani: "Speravo di giocare di più"

Il difensore della Juventus parla della sua stagione e del Coronavirus.

Il difensore della Juventus Daniele Rugani fa il punto della situazione dopo i mesi difficile a causa del Coronavirus: "Due giorni dopo la partita con l’Inter, dopo l’allenamento mi si è alzata la temperatura, mi sentivo strano e avevo più caldo del solito. Il giorno dopo la febbre era scesa a 36".

"Bundesliga? L'ho vista a spezzoni. E' strano vedere stadi vuoti, giocatori in panchina separati con le mascherine. Ma giustamente occorre fare il massimo per tornare in campo con la massima sicurezza possibile. Sono misure che vanno accettate, anche se strane. Attendiamo che il Governo faccia del proprio meglio per mandarci in campo in sicurezza". 

Rugani è stato finora impiegato con il contagocce: "Speravo di giocare di più, ma il mister fa le sue scelte, io penso a lavorare nel modo migliore per far bene quando vengo chiamato in causa: è la mia filosofia e continuerò a fare così". 

rugani

ARTICOLI CORRELATI:

Inter, pronto un piano per Kumbulla
Inter, pronto un piano per Kumbulla
Barcellona, opzione prestito per Coutinho
Barcellona, opzione prestito per Coutinho
PSG, definito il prezzo di Mbappé
 
Karina Cascella sempre più sexy
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena