Chievo, c'è anche Barba

Il difensore ex Roma ed Empoli torna in Italia dopo l'esperienza con lo Sporting Gijon.

L’A.C. ChievoVerona comunica di aver acquisito a titolo definitivo dal Real Sporting de Gijon le prestazioni sportive del difensore Federico Barba. Nato a Roma l’1 Settembre 1993, Barba ha firmato un contratto che lo legherà al ChievoVerona fino al 30/06/2022 e indosserà la maglia numero 5.

LA SCHEDA 

Nato a Roma l'1 settembre 1993, muove i primi passi nel mondo del calcio all'età di sette anni nell'AS Axa Calcio, rinominata poi ASD Totti Soccer School. È inserito nel Settore Giovanile della Roma nel 2008 e con la formazione degli Allievi Nazionali prima, e quella della Primavera poi, vince due campionati nazionali.

Nell'estate del 2012 si trasferisce al Grosseto in Serie B, squadra con la quale disputa 19 gare nella serie cadetta esordendo il 20 ottobre dello stesso anno contro il Modena. L'anno seguente torna alla Roma per poi essere girato in comproprietà all'Empoli: anche con la formazione azzurra esordisce affrontando il Modena, il 5 ottobre 2013. Conquista, a fine stagione con i toscani, la promozione in Serie A e il 20 settembre 2014 scende in campo per la prima volta nel massimo campionato italiano, dove siglerà la sua prima rete, il 9 novembre successivo, contro la Lazio (Empoli – Lazio 2-1).

Dopo un trasferimento in Germania per vestire i colori dello Stoccarda e un ritorno a Empoli, nell'estate dello scorso anno passa allo Sporting Gijon, squadra con la quale collezionerà 32 presenze.

Federico Barba può inoltre vantare 6 presenze con la Nazionale Under 19, mentre con la Nazionale Under 20 conta 9 presenze ed una rete.
 

Barba

ARTICOLI CORRELATI:

Niente Messi per l'Inter: sarà ancora del Barcellona
Niente Messi per l'Inter: sarà ancora del Barcellona
Milenkovic pensa solo alla Fiorentina
Milenkovic pensa solo alla Fiorentina
Sampdoria, Barreto rescinde:
Sampdoria, Barreto rescinde: "Colpa del Coronavirus"
 
Karina Cascella sempre più sexy
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena