Arrigo Sacchi stronca Gianluigi Donnarumma

Il tecnico di Fusignano ha parlato del mancato rinnovo col Milan del portierone azzurro.

3 Settembre 2021

"L'avidità ha prevalso sulla professionalità", il duro commento del rivoluzionario tecnico romagnolo.

Arrigo Sacchi non le manda certo a dire. Intervistato da RabdomanteTv alla presentazione della mostra fotografica Oltre il Sogno a lui dedicata nel paese romagnolo in cui è nato e cresciuto, il tecnico di Fusignano è tornato su uno degli argomenti che più ha fatto discutere i tifosi di tutta Italia: il trasferimento a parametro zero di Gigio Donnarumma dal Milan al PSG. Le parole di Sacchi nei confronti del portierone azzurro non sono state certo concilianti.

"Spiace per Donnarumma. L'avidità ha prevalso sulla professionalità. Il portiere della Nazionale ha lasciato a parametro zero il Milan, squadra della quale si era sempre proclamato tifoso. Voglio ricordare che Kakà e Shevchenko, una volta lasciato il Milan, non si sono ripetuti a certi livelli", ha tuonato l'ex ct della nazionale italiana.

©

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesLionel Messi, i dettagli di un accordo da Paperone
Lionel Messi, i dettagli di un accordo da Paperone
©Getty ImagesCristiano Ronaldo, nuovo record: battuto anche Lionel Messi
Cristiano Ronaldo, nuovo record: battuto anche Lionel Messi
©Getty Imagesil PSG vuole un Marcelo Brozovic alla Gigio Donnarumma
il PSG vuole un Marcelo Brozovic alla Gigio Donnarumma
©Getty ImagesJuventus-Donnarumma: Raiola rivela un retroscena
Juventus-Donnarumma: Raiola rivela un retroscena
©Foto BuzziMercato Monza, Giovanni Stroppa chiarisce
Mercato Monza, Giovanni Stroppa chiarisce
©Getty ImagesMercato Juve: colpo a parametro zero nel 2022
Mercato Juve: colpo a parametro zero nel 2022
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?