Pioli sfida i contestatori: "Giudicatemi sul campo"

Il neo-allenatore del Milan è stato presentato alla stampa: "C'è tutto per fare bene".

Il consueto profilo basso, ma anche tanto entusiasmo e la volontà di smentire gli scettici, in particolare i tifosi del Milan convinti che Stefano Pioli sia una scelta di secondo piano per la panchina rossonera.

Questo lo stato d'animo del tecnico emiliano durante la presentazione alla stampa avvenuta a Milanello alla presenza dell'intero staff dirigenziale, composto dall'ad Gazidis, dal ds Massara e dai responsabili dell'area tecnica Boban e Maldini.

"Sono stato chiamato da un grande club, che ha il dovere di lottare per raggiungere i risultati migliori - l'esordio dell'ex tecnico della Fiorentina - Il Milan è una buona squadra con giocatori giovani, ma che hanno un grande potenziale tecnico e fisico che ci può permettere di lottare con le migliori squadre del campionato. Giampaolo è un ottimo allenatore, ma è diverso da me. Il mio compito sarà far arrivare le mie idee il prima possibile ai ragazzi e creare una squadra unita. Il livello di partenza è buono".

Poche parole sulla fredda accoglienza dei tifosi: "Le critiche sui social? Non le ho lette, non uso i social, preferisco le persone che ti guardano negli occhi".

Pioli ha dribblato le domande su temi tattici: "Io mi adatto ai giocatori che ho, mi sento un insegnante. Ci sono le strutture e l'ambiente per fare bene, bisogna fare esplodere le qualità di questi ragazzi. Credo di poter fare un buon lavoro e che il mio calcio si adatti ai giocatori che ho a disposizione".

 

ARTICOLI CORRELATI:

Milan, strepitosa rimonta con la Juve
Milan, strepitosa rimonta con la Juve
La Lazio perde ancora, il Lecce respira
La Lazio perde ancora, il Lecce respira
Serie A, il Napoli aggrava la crisi della Roma
Serie A, il Napoli aggrava la crisi della Roma
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa