Pioli alza la voce con l'arbitro: "Sono confuso"

L'allenatore del Milan non nasconde la sua rabbia dopo la semifinale di Coppa Italia contro la Juventus.

Milan-Juventus termina con una coda di polemiche, anche e soprattutto per il rigore concesso nel finale ai bianconeri dall'arbitro Valeri, che ha punito la deviazione di braccio di Calabria (che dava le spalle a Cristiano Ronaldo, che aveva cercato la porta in acrobazia). E nel dopo partita di San Siro, Stefano Pioli non si nasconde.

"Ricordo la riunione con gli arbitri - ha dichiarato a 'Rai Sport' il tecnico rossonero -, lì si disse che il rigore fischiato contro Cerri in Cagliari-Brescia non andasse assegnato. E questa mi pare la stessa azione. Ma mi sono arrabbiato anche perché a inizio azione c'era stato un fallo su Ibrahimovic. Fosse stato sanzionato quello, non sarebbe mai arrivato nemmeno il rigore".

Quindi una difesa nei confronti di Calabria: "Chi ha giocato a calcio sa che si salta anche con le braccia, e lui è stato colpito prima di ricadere e poterne controllare il movimento. Oltretutto non poteva vedere il pallone. Sono confuso, non capisco quando sia mani e quando no. Ma è solo la partita d'andata, ci prepareremo per fare meglio ai ritorno".

Pioli quindi si è detto contento dei suoi giocatori: "Volevo che uscissero dal campo stremati e senza rimpianti. E dopo questa partita non devono averne. Forse qualcun altro sì. Sono orgoglioso di questi ragazzi, e penso che anche i tifosi lo siano".

Pioli Milan

ARTICOLI CORRELATI:

Ibrahimovic positivo al Coronavirus
Ibrahimovic positivo al Coronavirus
Juventus, Dybala si allena con il gruppo
Juventus, Dybala si allena con il gruppo
Piace la nuova Juve di Pirlo, tris alla Samp
Piace la nuova Juve di Pirlo, tris alla Samp
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa