Lionel Messi condannato, ma evita la prigione

Polemiche in Spagna, l'attaccante del Barcellona colpevole di frode fiscale

24 Maggio 2017

Il tribunale supremo spagnolo ha confermato in appello la condanna a 21 mesi di carcere inflitta l'anno scorso a Leo Messi per frode fiscale, per avere dirottato verso paradisi fiscali, fra il 2007 e il 2009, 10,1 milioni di euro di diritti d'immagine. 

La Corte ha ridotto da 21 a 15 mesi la condanna del padre Jorge Horacio, accusato quale amministratore dei beni del figlio. L'applicazione della pena per i due Messi è sospesa in quanto inferiore ai due anni. Non andranno quindi in carcere. Prima dell'inizio della procedura, Messi aveva pagato nel 2013 al fisco spagnolo 5 milioni di euro a saldo dei diritti di immagine dei 3 anni in questione e degli interessi.

Il fuoriclasse del Barcellona si è dichiarato all'oscuro di qualsiasi manovra economica generata dalla sua grande popolarità, spiegando che era il padre a gestire tutto, "io firmo e basta". La strategia difensiva della "Pulce" però non è andata a buon fine, visto che la Corte Suprema ha confermato la sentenza in primo grado della Corte provinciale di Barcellona.

 

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesLa Macedonia degli italiani stende la Germania, San Marino a testa alta
La Macedonia degli italiani stende la Germania, San Marino a testa alta
©Getty ImagesGoleade di Olanda e Belgio, Ronaldo piega il Lussemburgo
Goleade di Olanda e Belgio, Ronaldo piega il Lussemburgo
©Getty ImagesLa furia giapponese si abbatte sui mongoli
La furia giapponese si abbatte sui mongoli
 
Europa League: Roma-Ajax 1-1, le foto
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala
Real Madrid-Liverpool 3-1, le foto